MASTER


Meccatronica & Management – MEMA

HOME
BANDO
REGOLAMENTO
PIANO DI STUDI
SYLLABUS

Meccatronica & Management – MEMA

Il Master in Meccatronica & Management – MEMA della Liuc Business School è un percorso volto a definire un nuovo profilo di competenze chiave per chi desidera confrontarsi con le nuove sfide della meccatronica e dell’Automation Industry 4.0 che accompagnano l’era della digitalizzazione.
Il mondo dell’automazione è infatti cambiato, e una logica di integrazione di differenti competenze tecniche, unitamente a capacità relazionali e gestionali, diventa il fattore distintivo premiante.

Per tale motivo la LIUC Business School, in partnership con un gruppo di aziende, leader a livello internazionale nel settore dell’automazione, ha progettato e realizzato il Master in Meccatronica & Management – MEMA, un percorso interamente finanziato rivolto a giovani laureati desiderosi di allargare ed integrare il proprio profilo di competenze.

 

DESTINATARI

Il Master si rivolge a giovani laureati in ingegneria meccanica, industriale, fisica, elettronica, elettrica, biomedica, aeronautica,dell’automazione e meccatronica, in possesso di una laurea magistrale o titolo equipollente.

In caso di candidati non in possesso dei titoli di ammissione sopra citati, che desiderino presentare domanda di ammissione al Master, la decisione sulla loro ammissione alla selezione sarà soggetta al giudizio insindacabile del Direttore del Master.

OBIETTIVI

Il Master si pone l’obiettivo di preparare i giovani ingegneri ad inserirsi nel mondo del lavoro ed affrontare esigenze professionali dell’industry 4.0, combinando una preparazione tecnica specifica per il settore con competenze manageriali e abilità comportamentali. Il processo di apprendimento è costruito in funzione di questo obiettivo, utilizzando una ricca gamma di metodi di insegnamento che implica un ruolo attivo dei partecipanti, con una impostazione che integri le diverse discipline, nonché l’intervento di docenti qualificati che provengono sia dall’Università che dal mondo aziendale e professionale.

QUOTA D'ISCRIZIONE

Il Master è interamente finanziato dai contributi erogati dalle aziende partner.

I candidati idonei dovranno versare solamente una tassa di iscrizione pari a € 950.

SPONSOR

COLLABORAZIONI

Un gruppo di aziende leader a livello internazionale nel settore dell’automazione industriale

BANDO

Articolo 1 – Il Master

L’Università Carlo Cattaneo – LIUC istituisce un concorso per l’ammissione al Master Universitario di secondo livello in Meccatronica & Management – MEMA, di seguito semplicemente Master. La gestione e la frequenza al Master sono organizzate in conformità allo Statuto e ai Regolamenti di Ateneo oltre che al Regolamento dei Master universitari approvato dagli organi accademici.

Il Master prevede la collaborazione con un gruppo di aziende leader a livello internazionale nel settore dell’automazione industriale.

Le competenze acquisite nel corso del Master possono far accedere a posizioni lavorative nelle aziende del settore della automazione.

 

Articolo 2 – Requisiti di ammissione

2.1 – Destinatari      

Il Master si rivolge a giovani laureati in ingegneria meccanica, industriale, fisica, elettronica, elettrica, biomedica, aerospaziale e dell’automazione.

2.2 – Titoli di studio necessari

Per l’ammissione al Master è indispensabile il possesso di una laurea di 2° livello in una delle seguenti discipline: Classe LM33 Lauree Magistrali in Ingegneria Meccanica, Classe LM17 Lauree Magistrali in Fisica, Classe LM29 Lauree Magistrali in Ingegneria Elettronica, Classe LM28 Lauree Magistrali in Ingegneria Elettrica, Classe LM21 Lauree Magistrali in Ingegneria Biomedica, Classe LM20 Lauree Magistrali in Ingegneria Aerospaziale e Astronautica, Classe LM25 Lauree Magistrali in Ingegneria dell’Automazione Industriale.

2.3 – Titoli di studio conseguiti presso università non italiane

Per i titoli di studio conseguiti in università non italiane occorre la dichiarazione di valore in loco rilasciata dalla competente autorità diplomatica della rappresentanza italiana all’estero competente per territorio (Ambasciata italiana o Consolato italiano) su carta intestata completa di relativo timbro in originale e attestante gli anni di scolarità (minimo 12) e che ne attesti l’equipollenza con il corrispondente titolo italiano. I titoli vengono valutati da un’apposita Commissione.

2.4 – Altri requisiti necessari

Adeguata conoscenza della lingua inglese.

 

Articolo 3 – Posti disponibili

3.1 – Partecipanti a pieno titolo

Il numero di iscritti effettivi è fissato in un minimo di 12 e in un massimo di 20 partecipanti.

3.2 – Laureandi

Sono ammessi laureandi (v.art.3 Regolamento Master).

3.3 – Partecipazione di Uditori

E’ ammessa la partecipazione di uditori (v.art.7 Regolamento Master).

 

Articolo 4 – Direzione e Comitato di Direzione Scientifica

Il Direttore scientifico del Master è Elena Tosca.

Il Comitato di Direzione Scientifica è composto da: Elena Tosca, Vittorio D’Amato, Giampiero Bighiani, Giorgio Ferrandino, Gianluca Branca.

 

Articolo 5 – Organizzazione didattica del Master

5.1 – Durata del Master e CFU

Il Master ha la durata di 10 mesi e riconosce 65 Crediti Formativi Universitari (CFU). Il Master è full time. Le ore d’aula frontale sono previste in un numero di 420 con crediti e 16 senza riconoscimento crediti, alle quali si aggiungono uno stage ed un Project work. Il Piano degli Studi è allegato al presente Bando e ne costituisce parte integrante.

5.2 – Sede del Master

Le lezioni del Master si terranno presso LIUC – Università Cattaneo, Corso Matteotti 22, Castellanza.

5.3 – Lingua

Le lezioni e le prove d’esame del Master si svolgono in lingua italiana.

5.4 – Calendario delle lezioni

Il calendario dettagliato delle lezioni e degli esami viene pubblicato sul sito del Master.

La giornata di apertura del Master è prevista per il giorno 24 ottobre 2018.

Le discussioni dei progetti finali si terranno il 25 luglio 2019.

5.5 – Requisiti di Frequenza

Gli iscritti sono tenuti a seguire i corsi delle lezioni e a partecipare alle attività pratiche.

Per il conseguimento del Diploma di Master è richiesto il superamento delle prove di esame di ogni singolo corso e il rispetto della frequenza pari ad almeno il 80% di ogni singolo modulo costituito da un insieme di corsi omogenei sotto il profilo dei contenuti, nonché delle ulteriori attività previste nel Piano degli Studi. E’ inoltre indispensabile il superamento di un esame finale consistente nella discussione di una dissertazione scritta su una o più tematiche sviluppate durante il Master e/o approfondite durante il tirocinio.

 

Articolo 6 – Domanda di ammissione alla selezione e procedure di selezione

6.1 – Domanda di ammissione

Il costo di ammissione al processo di selezione è pari a Euro 50. Il candidato deve presentare domanda di ammissione al concorso di selezione compilando il modulo presente on line nella pagina del Master entro il 30 settembre 2018 allegando i seguenti documenti:

– per i possessori di titolo di studio conseguito in Italia:

  • copia del versamento di € 50;
  • autocertificazione (debitamente firmata) attestante conseguimento del Titolo di studio;
  • curriculum vitae con fotografia indicante la posizione lavorativa ricoperta attualmente ed il numero degli anni di lavoro;
  • fotocopia (fronte e retro) firmata della carta d’identità e del codice fiscale;
  • se studente extra U.E. il visto di ingresso per partecipare alla selezione o la ricevuta della richiesta di visto;
  • eventuali certificazioni di conoscenza di lingua italiana se disponibile: l’accertamento delle conoscenze linguistiche sarà comunque svolta dalla commissione di selezione;
  • eventuali lettere di referenza.

 

– per i possessori di titolo di studio conseguito all’estero:

  • copia del versamento di € 50;
  • certificato di laurea e diploma originale rilasciato dalla competente autorità accademica con relativa traduzione ufficiale in lingua italiana;
  • certificato attestante gli esami superati e relativa votazione rilasciato dalla competente autorità accademica;
  • dichiarazione di valore in loco della Rappresentanza italiana all’estero competente x territorio (Ambasciata italiana o Consolato italiano) su carta intestata completa di relativo timbro in originale e attestanti gli anni di scolarità (min. 12);
  • legalizzazione consolare di tutti i documenti redatti in lingua straniera ai fini della selezione;
  • curriculum vitae con fotografia indicante la posizione lavorativa ricoperta attualmente ed il numero degli anni di lavoro;
  • fotocopia fronte retro firmata del passaporto o della carta di identità ed eventuale codice fiscale;
  • se studente extra U.E. il visto di ingresso per partecipare alla selezione o la ricevuta della richiesta di visto.

I candidati di nazionalità straniera dovranno presentare la domanda in tempo utile per poter procedere con l’emissione del visto.

6.2 – Procedura di selezione

Le candidature pervenute saranno valutate da una specifica Commissione, composta da Direttore del Master, Coordinatore del Master e uno/due docenti del Master. La selezione dei candidati sarà effettuata mediante: valutazione curriculare (tipo di laurea, percorso professionale, percorso formativo, conoscenza della lingua inglese), valutazione delle motivazioni espresse nella domanda di ammissione, colloquio attitudinale/motivazionale.

Al termine della selezione verrà stilato e pubblicato sulla relativa pagina web del Master l’elenco degli ammessi.

6.3 – Immatricolazione

L’iscrizione al Master verrà formalizzata compilando la domanda di immatricolazione reperibile on line all’indirizzo https://sol.liuc.it e con il pagamento della tassa di iscrizione. La domanda dovrà essere stampata e presentata a mano o spedita tramite posta raccomandata con ricevuta di ritorno tipo 1 alla c.a. di Elisabetta Mentasti – Ufficio Master, Corso Matteotti, 22 – 21053 Castellanza (Va), entro 12 ottobre 2018 (farà fede il timbro postale), allegando copia della ricevuta di pagamento.

Il Master verrà regolarmente erogato da parte dell’Università, a condizione che venga raggiunto il limite minimo di iscritti indicato, ed esclusivamente a seguito della comunicazione formale, da parte dell’Università, dell’avvio del Corso. Nel caso in cui non venga raggiunto il limite minimo di iscritti o  non venga inviata, da parte dell’Università, la comunicazione formale dell’avvio del Corso, la quota di iscrizione verrà restituita al candidato.

Agli studenti immatricolati verrà rilasciata una tessera di riconoscimento, LIUC CARD, valida per l’intero percorso di studi. La LIUC CARD è strettamente personale e dovrà essere presentata in occasione di esami o altre attività previste dal percorso di studi come unico documento identificativo dello studente. Al termine degli studi o in caso di trasferimento, decadenza o rinuncia agli studi, tale documento deve essere restituito all’Ufficio Master.

Lo studente extra U.E. dovrà presentare inoltre il visto di ingresso per studio valido per la durata dell’intero Master o la ricevuta della richiesta di visto.

6.4 – Smarrimento LIUC CARD

In caso di furto, smarrimento o distruzione della LIUC CARD, lo studente dovrà esplicitare le circostanze in cui è avvenuto il fatto e chiedere il rilascio del duplicato (il costo del duplicato della LIUC CARD è di 20,00 euro) presentando all’Ufficio Master:

  • domanda redatta in carta legale contenente le generalità del richiedente e il numero di matricola;
  • autodichiarazione di furto o smarrimento;
  • due fotografie formato tessera debitamente firmate sul retro.

Lo studente è responsabile personalmente di eventuali alterazioni della propria LIUC CARD.

 

Articolo 7 – Tasse e contributi

7.1 – Iscritti a pieno titolo

La quota complessiva di partecipazione al Master è di Euro 950 da pagare al momento dell’iscrizione, alla quale va aggiunto l’importo dell’imposta di bollo pari a Euro 16.

7.2 – Iscrizione come uditore

La quota per gli uditori è fissata in Euro 950 da pagare al momento dell’iscrizione.

Alla domanda di iscrizione per uditore va sempre apposta la marca da bollo secondo il valore vigente.

7.3 – Restituzione delle tasse

In caso di attivazione del Master, come da Articolo 4 del Regolamento Master, i candidati iscritti non hanno diritto in nessun caso alla restituzione delle tasse, soprattasse e contributi pagati.

 

Articolo 8 – Decreto Rettorale di emanazione del Bando

Il Bando del Master è emanato con Decreto del Rettore e reso pubblico sul sito web dell’Università www.liucbs.it.

REGOLAMENTO

Articolo 1 – Ambito di applicazione

L’Università Carlo Cattaneo – LIUC (di seguito definita LIUC) attraverso la Divisione Ricerca e Formazione (d’ora in poi denominata LIUC Business School) promuove, anche in collaborazione con altri Atenei italiani o stranieri, con Enti e soggetti pubblici o privati italiani o stranieri, Master universitari di primo e secondo livello (di seguito generalmente definiti Master).

I Master sono istituiti ai sensi dell’art. 28 dello Statuto, dell’art. 28 del Regolamento Generale di Ateneo, dell’art. 17 del Regolamento Didattico di Ateneo e organizzati nel rispetto del Regolamento di Ateneo per la Divisione Ricerca e Formazione e delle disposizioni del presente Regolamento.

Articolo 2 – Definizione e struttura

I Master universitari di primo e secondo livello hanno l’obiettivo di preparare i laureati al mondo del lavoro fornendo loro competenze utili all’inserimento in ambito professionale e lavorativo e/o di fornire gli strumenti necessari a chi già lavora e ha necessità di aggiornamento e approfondimento.

I Master hanno di norma la durata di un anno accademico e riconoscono almeno 60 Crediti Formativi Universitari secondo la normativa vigente. Sono previste ore di aula frontale, seminari ed altre attività (non inferiori a 240 ore), un tirocinio e/o la realizzazione di un project work.

Il numero minimo ed il numero massimo degli iscritti sono definiti nel Bando approvato per la partecipazione ai singoli Master (di seguito Bando), tenuto conto delle regole generali stabilite dalla LIUC Business School, dei requisiti di qualità della didattica d’aula e nel rispetto dell’equilibrio economico del Master.

Le materie di insegnamento possono essere integrate da corsi, conferenze e seminari su argomenti specialistici tenuti da studiosi delle varie materie. Il percorso formativo può essere a tempo pieno o parziale.

Il conseguimento dei crediti corrispondenti alle varie attività è subordinato, oltre al rispetto degli obblighi di frequenza e alla regolarità amministrativa, al superamento di tutte le prove di verifica programmate.

Articolo 3 – Requisiti per l’ammissione

Per l’ammissione al Master di primo livello è indispensabile il possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • laurea di cui al D.R. n.270/04 o titolo equipollente di precedenti ordinamenti;
  • altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo.

Per l’ammissione al Master di secondo livello è indispensabile il possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • laurea magistrale di cui al D.R. n.270/04 o titolo equipollente di precedenti ordinamenti;
  • diploma di laurea di cui alla legge 341/90;
  • altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo.

Il riconoscimento dell’idoneità dei titoli di studio conseguiti all’estero ai soli fini dell’ammissione ai corsi Master universitari è disposto da una Commissione appositamente nominata composta dal Rettore, dal Dean della Liuc Business School e dal Direttore della Divisione Didattica, nel rispetto degli accordi internazionali e delle disposizioni normative in materia.

Il candidato dovrà presentare domanda di ammissione alla selezione compilando il modulo presente on line all’interno del sito del Master, pagando la tassa di iscrizione alla selezione e inviando tutti i documenti specificati nel Bando. Le candidature saranno valutate da una specifica Commissione di selezione a tal fine nominata attraverso una o più delle seguenti modalità: valutazione curriculare, valutazione della esperienza lavorativa, valutazione delle motivazioni espresse nella domanda di ammissione, colloquio attitudinale/motivazionale, valutazione di conoscenza della lingua richiesta per la partecipazione, test d’ingresso.

Le norme nazionali non consentono l’iscrizione contemporanea a più corsi di studio universitari. Il candidato pertanto dovrà dichiarare di non trovarsi in tale situazione di incompatibilità.

I laureandi, triennali o magistrali, in relazione al titolo necessario per l’ammissione al Master una volta superate le prove di selezione previste, possono iscriversi “in ipotesi” ai Master, presentando istanza al Direttore del Corso.

L’iscrizione potrà essere perfezionata solo dopo il conseguimento della Laurea purché la stessa sia stata ottenuta nell’Anno Accademico antecedente a quello di svolgimento del Master.

Nel caso lo studente non riuscisse a laurearsi nell’Anno Accademico antecedente, la sua iscrizione al Master sarà considerata nulla e gli importi pagati a titolo di frequenza restituiti o potrà, presentando istanza al Direttore del Corso, proseguire la frequenza al Master in qualità di uditore.

Nel rispetto di quanto previsto ai precedenti punti, i requisiti e le competenze necessari per l’ammissione agli specifici Master, coerenti con gli obiettivi dei corsi, sono definiti nei relativi Bandi.

Articolo 4 – Tasse e contributi

Le quote di partecipazione al Master e le modalità di versamento delle stesse sono indicate nel Bando.

I candidati dovranno dichiarare nella domanda di iscrizione di conoscere ed accettare l’Art. 27 del Regolamento Studenti, approvato con R.D. n.1269/38, che qui si intende richiamato ed applicato al Master, altresì dichiarando di accettare e riconoscere di non avere diritto in nessun caso, alla restituzione delle tasse, soprattasse e contributi pagati.

Articolo 5 – Prove di verifica

Per il conseguimento del Diploma di Master è richiesto il superamento delle prove di esame di ogni singolo corso e il rispetto della frequenza, laddove richiesta, pari ad almeno il 70% di ogni singolo corso o modulo costituito da un insieme di corsi omogenei sotto il profilo dei contenuti, nonché delle ulteriori attività previste nel Piano degli Studi. E’ inoltre indispensabile il superamento di un esame finale consistente nella discussione di una dissertazione scritta su una o più tematiche sviluppate durante il Master e/o approfondite durante il tirocinio.

Eventuali esami residui potranno essere recuperati in apposite sessioni. I voti d’esame sono espressi in trentesimi.

La Commissione degli esami di profitto è definita dal Direttore scientifico del Master.

La Commissione giudicatrice dell’esame finale è costituita da cinque docenti del Master. La votazione finale tiene conto delle valutazioni conseguite nelle attività formative precedenti, in particolare della media ponderata delle votazioni in trentesimi espressa in centodecimi, cui è possibile aggiungere fino ad un massimo di otto centodecimi, avuto riguardo alle altre attività svolte (tirocinio, project work, tesi, ecc.) e alla valutazione complessiva dello studente.

Tutte le tesi dei corsi Master devono essere sottoposte alla valutazione del software antiplagio. Qualora la verifica antiplagio dovesse evidenziare parti dell’elaborato non genuine, l’estensore non sarà ammesso a sostenere la discussione della tesi, fatta salva, laddove applicabile, la normativa prevista nel R.D. 20 giugno 1935, n. 1071 Modifiche ed aggiornamenti al testo unico delle leggi sulla istruzione superiore ed alla L. n. 475 del 19.4.1925 di Repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche.

E’ prevista una sessione ordinaria di tesi ed una di eventuale recupero in caso di gravi e giustificati motivi da parte del candidato. Tra la prima e la secondo sessione devono intercorrere almeno 20 giorni lavorativi.

Per i Master con più di 50 iscritti possono essere previste due sessioni ordinarie di tesi ed una eventuale straordinaria.

A coloro che abbiano superato l’esame finale viene rilasciato il Diploma di Master universitario di primo o secondo livello.

Nel caso in cui lo studente, per giustificato motivo oggettivo, non riuscisse a sostenere la prova finale entro la seconda sessione di tesi programmata, potrà chiedere di poter discutere nella sessione di tesi di un’edizione successiva presentando istanza con marca da bollo al Direttore scientifico del Master, pagando le vigenti spese di segreteria. Nel caso in cui l’Università non avviasse una nuova edizione allo studente verrà rilasciata una certificazione di frequenza del Master, ma non potrà essere rilasciato il titolo legale.

Articolo 6 – Richiesta sospensione ed iscrizione ad edizione successiva

Lo studente iscritto ad un Master che non abbia ancora sostenuto tutti gli esami può presentare al Direttore scientifico del Master istanza di sospensione per giustificato motivo oggettivo con conseguente chiusura della carriera, previo saldo dell’intero importo dovuto riportato a Bando. Potrà in seguito, nel caso in cui siano attivate ulteriori edizioni, completare il Master nella sola prima edizione utile riscrivendosi e presentando al Direttore scientifico del Master una seconda istanza di immatricolazione con riconoscimento dei crediti già acquisiti e dei versamenti già effettuati, pagando la vigente tassa di segreteria, l’imposta di bollo secondo il valore vigente e l’eventuale integrazione di quanto dovuto per la copertura dei costi della nuova edizione.

Nel caso in cui la sospensione dal Master non fosse avvenuta per giustificato motivo oggettivo, lo studente dovrà versare l’eventuale saldo delle tasse dell’edizione Master alla quale era originariamente iscritto. Nel caso in cui decidesse di riscriversi ad un’edizione successiva del Master dovrà pagare interamente l’importo relativo alla nuova edizione e, pagando la vigente tassa di segreteria, gli verranno riconosciuti i crediti acquisiti compatibili con il piano di studi relativo alla nuova edizione. Le istanze validate dal Direttore scientifico del Master verranno vagliate dal Dean della Liuc Business School. Se nessuna edizione successiva dovesse essere attivata, lo studente non potrà completare il percorso Master.

Articolo 7 – Uditori

I singoli Bandi possono prevedere l’ammissione di uditori all’intero Master. Il numero degli uditori non può superare il 20% degli iscritti a pieno titolo.

L’iscrizione come uditore può essere ammessa, nei limiti stabiliti, solo a soggetti non in possesso dei titoli di ammissione necessari. In nessun caso sarà quindi possibile convertire l’iscrizione come uditore in un’iscrizione effettiva al Master.

Gli uditori all’intero Master possono ottenere una dichiarazione di frequenza se frequentano almeno il 70% delle attività previste, ad eccezione del tirocinio, ma non possono ottenere il riconoscimento di Crediti Formativi Universitari.

Articolo 8 – Norme etiche

Gli studenti dei Master universitari sono a pieno titolo studenti dell’Università con tutti gli obblighi e i diritti degli studenti dei corsi di laurea attivi. Le violazioni al Codice etico e disciplinare della comunità universitaria adottato dall’Università e pubblicato sul sito Internet dell’Università all’indirizzo http://www.liuc.it/chi-siamo/statuto-codice-etico/codice-etico/ sono oggetto di procedure disciplinari.

Articolo 9 – Proposta di attivazione

La proposta di attivazione di un Master universitario può venire da un docente strutturato o non strutturato oppure da un cliente potenziale.

Il Dean della LIUC Business School ha il compito di valutare le proposte di attivazione che, saranno presentate al Consiglio Accademico. L’attivazione dei Master universitari è disposta con Decreto del Rettore a seguito di delibera del Consiglio di Amministrazione su proposta del Consiglio Accademico.

Le proposte sono deliberate dagli organi competenti di norma entro il 30 luglio.

La proposta dovrà essere redatta secondo lo schema predisposto dagli uffici competenti e, di norma, dovrà specificare:

  1. la denominazione del corso e la specifica ”Master di I° livello” oppure “Master di II° livello”;
  2. la lingua del corso e gli eventuali requisiti di competenza linguistica necessari;
  3. i requisiti di partecipazione al concorso di selezione in termini di titoli di studio necessari fermi restando i requisiti minimi di legge e altri requisiti in termini di competenze ed esperienza richieste;
  4. il profilo professionale e le competenze attese in uscita;
  5. l’indicazione del Direttore scientifico del Master;
  6. la composizione del Comitato di Direzione scientifica, se istituito, con un numero di membri non inferiore a tre;
  7. il numero massimo di studenti ammessi ed il numero minimo previsto per l’attivazione del corso;
  8. l’eventuale ammissione di uditori;
  9. la durata del corso e se il corso è full time / part time;
  10. il target di prezzo specificando le eventuali rateizzazioni;
  11. il piano finanziario (budget);
  12. la sede del corso, le eventuali altre sedi universitarie con cui consorziarsi e il loro apporto nel contesto didattico, organizzativo e finanziari;
  13. il Piano degli Studi (aula e attività specifiche come project work, tesi, stage etc., definite all’interno del programma);
  14. il Syllabus di dettaglio di ogni singolo corso con indicazione dei docenti previsti;
  15. eventuali enti e soggetti esterni che collaborano allo svolgimento del Master.

L’Università si riserva di non attivare il Master in caso di mancato raggiungimento del numero minimo di iscritti, dandone tempestiva comunicazione agli interessati entro il 10° giorno antecedente la data prevista di inizio. In caso di mancata attivazione del Master, si provvederà a restituire le eventuali somme incassate dall’Università con esclusione di ulteriori altre spese, materiali e non, sostenute dal candidato.

Articolo 10 – Organi del Corso

Il Direttore scientifico del Master esplica la sua attività nel rispetto dello Statuto, del Regolamento didattico di Ateneo e del Regolamento di Ateneo per la Divisione Ricerca e Formazione e del Codice Etico.

Il Direttore scientifico:

  • propone al Dean della LIUC Business School il corpo docenti del Master;
  • può nominare un Coordinatore delegandolo alla cura degli aspetti organizzativi;
  • assume la responsabilità del funzionamento del corso e assicura lo svolgimento di tutte le attività organizzative definite nella programmazione didattica;
  • assegna le tesi;
  • firma i diplomi congiuntamente al Rettore e al Direttore Generale.

Può essere istituito un Comitato di Direzione Scientifica che, insieme al Direttore scientifico, provvede ad orientare il Master sul piano dei contenuti necessari per una proficua formazione degli studenti. Il Comitato di Direzione Scientifica è composto da membri appartenenti al mondo universitario o qualificati professionisti del settore e resta in carica per l’intera durata del Master.

Articolo 11 – Bando di attivazione

Il Bando, emanato con Decreto del Rettore, deve contenere: la denominazione del Master, eventuali Partnership, gli obiettivi e la lingua del Master, le modalità di iscrizione, i requisiti di accesso e gli eventuali titoli di studio valutabili, la documentazione richiesta, i termini e le modalità di svolgimento della selezione, il numero minimo e massimo degli allievi previsti, la sede, la durata, il piano degli studi, il calendario delle lezioni, la quota di partecipazione, le eventuali agevolazioni economiche.

Qualora fossero previste Borse di studio, per la copertura totale o parziale della retta di iscrizione al Master, verrà emanato uno specifico Bando per la loro assegnazione.

Articolo 12 – Piano Finanziario

Il Budget è predisposto dal Direttore scientifico del Master secondo un apposito modello. Il Budget deve riportare le fonti di finanziamento del Master (tasse a carico degli studenti, contributi di aziende o enti) e i costi preventivati. Il Budget deve includere tutti i costi variabili specifici del Master e deve includere un margine di contribuzione ai costi generali e al funzionamento dell’Università. Il Budget deve essere approvato dal Dean della LIUC Business. Il Budget operativo autorizza il Direttore scientifico del Master a richiedere agli istruttori dell’Ufficio Master l’emissione di ordini interni nei limiti previsti dal Budget stesso.

Articolo 13 – Valutazione del Master

Il livello qualitativo del Master, delle attività formative svolte durante il Corso e dei docenti sono oggetto di periodica analisi verificato tramite somministrazione di questionari di valutazione.

Articolo 14 – Decreto Rettorale di emanazione del Regolamento

Il presente Regolamento è emanato con Decreto del Rettore ed entra in vigore il giorno successivo a quello di emanazione dandone adeguata forma di pubblicità sul sito Web dell’Università.

PIANO DI STUDI

MODULI CORSI SETTORE ORE CREDITI MOD. VALUTAZIONE (VOTO/GIUDIZIO)
DISCIPLINARE AULA
TECNHICALITY PER IL SETTORE DI AUTOMAZIONE SISTEMI AUTOMATICI ING-IND/31 36 4 voto
CONCETTI DI BASE, PROGRAMMAZIONE E FUNZIONAMENTO DEI ROBOT INDUSTRIALI ING-INF/04 28 3 voto
OLEODINAMICA ING-IND/13 16 2 voto
MANIPOLAZIONE MECCATRONICA ING-IND/13 32 3 voto
SISTEMI PNEUMATICI ING-IND/13 40 4 voto
COLLAUDO DI UN SISTEMA MECCATRONICO ING-IND/13 16 2 voto
PROGETTAZIONE DI SISTEMI MECCATRONICI ING-IND/13 36 2 voto
LE NUOVE FRONTIERE DELL’AUTOMAZIONE ING-INF/04 16 2 voto
SISTEMI DI MANUFACTURING ING-INF/04 16 1 voto
Totale modulo 236 23
PRINCIPI DI MANAGEMENT E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MANAGEMENT: GESTIONE E MOTIVAZIONE DELLE PERSONE SECS-P/10 20 3 voto
SVILUPPARE LA LEADERSHIP SECS-P/10 24 3 voto
ECONOMIA AZIENDALE SECS-P/07 24 3 voto
LEAN MANAGEMENT SECS-P/08 20 2 voto
COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO SECS-P/10 24 3 voto
Totale modulo 112 14
PROBLEM SOLVING & DECISION MAKING PROBLEM SOLVING & DECISION MAKING: PENSIERO SISTEMICO IN AZIONE SECS-P/10 20 3 voto
CHANGE MANAGEMENT SECS-P/10 16 2 voto
PROJECT MANAGEMENT SECS-P/10 16 1 voto
Totale modulo 52 6 voto
COMPETENZE DI VENDITA E COMMERCIALI VENDITE E TEAM SELLING SECS-P/08 32 2 voto
Totale modulo 32 2
WORKSHOP TESTIMONIANZE ED EVENTI 16 0
Totale ore 448 45
Totale ore d’aula con crediti 432
Totale ore d’aula senza crediti 16
Stage e project work 720 20
Totale Ore MASTER 65

BORSE DI STUDIO

SYLLABUS

MODULO: TECHNICALITY PER IL SETTORE DELL’AUTOMAZIONE

  • Sistemi automatici
  • Manipolazione meccatronica
  • Sistemi pneumatici
  • Collaudo di un sistema meccatronico
  • Concetti di base, programmazione e funzionamento dei robot industriali
  • Progettazione di sistemi meccatronici
  • Principi di automazione oleodinamica
  • Le nuove frontiere dell’automazione

SISTEMI AUTOMATICI

Obiettivi

  • Conoscere funzionalità, metodi di interfacciamento, architetture hardware
  • Acquisire conoscenze generali sulle Reti di campo industriali
  • Analizzare un’automazione per progettare il Software di controllo (IEC 61131-3)
  • Conoscere le caratteristiche generali di sensori e trasduttori
  • Conoscere le principali architetture di un sistema di acquisizione e analisi dati
  • Partecipare alla realizzazione di una automazione
  • Conoscere il processo di generazione del controllo e stima, dalla modellizzazione alla validazione finale su impianto

Argomenti

Analisi della struttura di una linea automatica:

  • Definizione delle specifiche di un’automazione industriale

Componenti di un Controllore programmabile:

  • Tipi di segnale
  • Unità centrale, schede di espansione, schede di rete, interfacce operatore
  • Configurazione hardware e Software
  • Analisi e programmazione delle funzione logiche di base

Tipologie di Reti di Campo:

  • Tipi di strutture e tipologie di rete
  • Differenze tra bus seriali, bus di campo e reti
  • Analisi funzionale delle strutture più note

Struttura e componenti di una linea automatica:

  • Analisi delle funzionalità richieste dalle specifiche
  • Scelta della struttura hardware: sensori, attuatori, PLC, Motion, Reti, interfaccia Uomo – macchina
  • Definizione della architettura software
  • Descrizione delle funzionalità dei singoli moduli software

Sistemi di misura e controllo per feedback:

  • Sensori e Trasduttori:
    • Caratteristiche generali e prestazioni
    • Principali sensori utilizzati in ambito industriale
  • Sistemi di acquisizione:
    • Componenti principali di un sistema di misura
    • Aspetti generali e problemi legati all’acquisizione dei dati
    • Principali architetture dei sistemi di acquisizione
  • Sistemi di misura tradizionali vs sistemi automatici in linea di produzione:
    • Generalità sul controllo di qualità automatico
    • Caratteristiche e prestazioni dei sistemi automatici rispetto a quelli manuali

Realizzazione guidata dell’automazione

  • Montaggio, cablaggio
  • Configurazione hardware del sistema di controllo
  • Scrittura dei moduli software e loro verifica funzionale
  • Messa in funzione del sistema

Approccio model based design:

  • Il processo di realizzazione di un modello fisico matematico dell’impianto
  • Definizione requisiti del modello e del sistema
  • Esempi di modellizzazione
  • L’identificazione e validazione del sistema

Sintesi del controllo e stima e validazione su impianto:

  • Sintesi di stimatori basati su modello
  • Uso del modello per la sintesi del controllo
  • Validazione su impianto (HIL e fast prototyping)
  • Utilizzo 6 SIGMA per analisi dati e pianificazione attività sperimentale

MANIPOLAZIONE MECCATRONICA

Obiettivi

  • Conoscere funzionalità, architetture meccaniche, elettriche e di controllo
  • Acquisire conoscenze generali sui sistemi di presa
  • Acquisire conoscenze generali sul dimensionamento meccanico
  • Acquisire conoscenze generali sul dimensionamento elettrico
  • Partecipare alla messa in funzione di un sistema di manipolazione

Argomenti

Descrizione delle funzionalità base di un sistema di manipolazione automatizzato:

  • Descrizione di un sistema di manipolazione
  • Sistemi di presa
  • Tipologie di attuatori e loro caratteristiche
  • Tipologie di motori elettrici e loro caratteristiche
  • Sistemi di controllo elettro-pneumatici

Dimensionamento e scelta dei sistemi di presa

  • Analisi delle specifiche.
  • Scelta e dimensionamento del sistema di presa.
  • Generazione del vuoto per sistemi di presa.

Dimensionamento e scelta attuatori meccanici:

  • Analisi delle specifiche
  • Scelta della architettura meccanica
  • Dimensionamento della struttura meccanica

Dimensionamento e scelta degli attuatori elettrici e/o pneumatici:

  • Scelta degli attuatori elettrici e/o pneumatici più idonei
  • Dimensionamento del sistema di regolazione elettrico e/o pneumatico
  • Definizione della architettura di controllo

Realizzazione guidata del sistema di manipolazione

  • Montaggio, cablaggio
  • Configurazione del sistema di manipolazione
  • Messa in funzione del sistema

SISTEMI PNEUMATICI

Obiettivi

  • Conoscere funzionalità, architetture hardware, metodi di interfacciamento
  • Acquisire conoscenze generali sulle varie tipologie di attuazione e controllo pneumatico
  • Acquisire conoscenze generali sui sistemi pneumatici con elettronica integrata
  • Analizzare le varie tipologie di utilizzo nel campo dell’automazione
  • Sistemi pneumatici sicuri nell’ ambito della Direttiva macchine
  • Utilizzo dell’aria compressa e risparmio energetico

Argomenti

Principi di Pneumatica I:

  • Cilindri
  • Valvole
  • Simbologia
  • Circuiti di base

Principi di Pneumatica II:

  • Cilindri specializzati e loro applicazioni
  • Elettrovalvole e interfacce
  • Elettrovalvole distribuite e aggregate

Pneumatica proporzionale:

  • Elettrovalvole proporzionali
  • Controllo in pressione e controllo in flusso
  • Controllo proporzionale con tecniche digitali

Caratteristiche operative e dinamica dei sistemi pneumatici:

  • Sistemi RLC
  • Caratteristiche di portata della valvole
  • Effetti degli attriti nei cilindri

Generazione e gestione efficiente dell’aria compressa:

  • Centrali di compressione; compressori e trattamento dell’aria
  • Scelta del livello di pressione
  • Moltiplicatori di pressione e generazione autonoma

Sistemi pneumatici sicuri:

  • Fondamenti della Normativa macchine.
  • Analisi del rischio e livelli di sicurezza.
  • Esempi di funzioni di sicurezza e relativi circuiti.

Ottimizzazione dell’utilizzo dell’aria compressa:

  • Generazione dell’aria compressa.
  • Distribuzione dell’aria compressa.
  • Scelta ottimizzata dei componenti per minimizzare il consumo energetico.
  • Metodi di misura della generazione di aria compressa.
  • Metodi di misura del consumo di aria compressa.
  • Metodi per la ricerca di perdite in un sistema pneumatico complesso.
  • Metodi per la misura della qualità dell’aria compressa.

COLLAUDO DI UN SISTEMA MECCATRONICO

Obiettivi

  • Applicare le competenze acquisite nei corsi del modulo “Technicality…”
  • Acquisire una metodologia per effettuare la messa in funzione di un sistema reale
  • Effettuare la messa in funzione di un sistema reale in condizioni sicure
  • Fornire una visione complessiva ed approfondita delle attività tipiche dello studio, realizzazione e attivazione di un sistema meccatronico nell’ambito della realtà industriale

Argomenti

Descrizione del sistema

  • Descrizione delle specifiche
  • Descrizione del sistema di presa
  • Descrizione del sistema di visione
  • Descrizione della struttura meccanica
  • Descrizione della architettura di controllo

Messa in funzione:

  • Introduzione sulle varie fasi di una messa in funzione di un sistema reale
  • Realizzazione passo passo delle singole fasi

Accettazione del sistema:

  • Verifica dei risultati ottenuti e confronto con le specifiche richieste

CONCETTI DI BASE, PROGRAMMAZIONE E FUNZIONAMENTO DEI ROBOT INDUSTRIALI

Obiettivi

  • Acquisire una panoramica delle differenti tipologie di Robot
  • Conoscere principi e logiche di funzionamento dei Robot industriali
  • Utilizzare strumenti per effettuare una semplice programmazione

Argomenti

Tipologie di Robot e criteri di scelta

  • Prestazioni
  • Campi di impiego

Sicurezza dei Robot e celle robotizzate

Interfacciamento e bus di campo per la gestione delle periferiche

Descrizione delle funzionalità base di un robot industriale:

  • Istruzioni di sicurezza
  • Struttura e funzione di un sistema robot
  • Movimentazione robot
  • Messa in servizio del robot
  • Esecuzione di programmi robot
  • Gestione di file di programma
  • Creazione e modifica di movimenti programmati
  • Applicazione di funzioni logiche nel programma robot
  • Gestione di variabili
  • Utilizzo di pacchetti tecnologici

PRINCIPI DI AUTOMAZIONE OLEODINAMICA

Obiettivi:

Fornire gli elementi di base della progettazione di sistemi idraulici ed elettroidraulici.

Argomenti:

I principi dell’oleodinamica

  • Fluid Power: generazione (pompe), distribuzione (valvole e circuiti) ed utilizzo (cilindri e motori) della potenza idraulica
  • Fluid Care: importanza circuiti idraulici, metodologie predittive e preventive per la vita utile degli impianti, soluzioni di manutenzione

Elementi di progettazione elettroidraulica

  • Analisi delle specifiche (pressioni, portate, velocità) e delle funzioni richieste
  • Traduzione delle funzioni in automazione; definizione della richiesta di potenza idraulica, di schema idraulico e componentistica, di sensoristica e controllo, di architettura elettronica e visualizzazione
  • Casi applicativi
  • Aspetti normativi e legislativi dell’attuazione oleodinamica, specificità di sicurezza e sicurezza funzionale

PROGETTAZIONE DI SISTEMI MECCATRONICI

Obiettivi:

  • Conoscere le principali normative di sicurezza ed apprendere le nozioni di base di progettazione meccatronica, dimensionamento e di automazione industriale.

Argomenti:

Sicurezze funzionali applicate alla meccatronica:

  • Nozioni di base sui concetti di sicurezza applicata alle macchine (Normative di riferimento e Performance level),
  • Nozioni di base sulle funzionalità estese di sicurezza funzionali (STO, SoS, SS1/2, SLS..etc, con esercitazione pratica sui nostri PLC di sicurezza)

Progettazione meccatronica di un portale cartesiano a 3 assi:

  • Nozioni di base su motorizzazioni asincrone e sincrone e tipologie di riduttori (differenze, caratteristiche e campi applicativi),
  • Nozioni di base sui riduttori e dimensionamento delle catene cinematiche tramite sw Workbench (differenze, caratteristiche, campi applicativi ed esercizi pratici di dimensionamento su alcuni casi reali)
  • Nozioni di base sui principi generali di automazione industriale (Motion Controller, I/O, HMI, Bus di campo e azionamenti elettrici),
  • Sviluppo di un portale cartesiano Gantry a 3 assi (definizione dell’architettura hw di sistema con cenni di programmazione logica PLC/Motion e gestione della cinematica cartesiana tramite sw Multimotion)

LE NUOVE FRONTIERE DELL’AUTOMAZIONE

Obiettivi:

Fornire le competenze di base per comprendere le tecnologie abilitanti legate al nuovo modello industriale.

Argomenti:

Evoluzione delle tecnologie di automazione industriale

Tecnologie e fattori abilitanti delle nuove frontiere dell’automazione

Internet of Things

Cyber Physical System

Integrazione dei dati tra il controllo di processo (OT) e i sistemi di alto livello (IT)

Concetti di Fog e Cloud Computing

Nuove modalità di produzione industriale

SISTEMI DI MANUFACTORING

Obiettivi:

Fornire agli allievi del Master, in conclusione del processo di approfondimento delle singole tematiche meccatroniche affrontate, una vista sistemica di insieme dell’articolazione di un sistema produttivo complesso e su scala internazionale, tipico di una realtà Corporate, e dei principi architetturali utili alla progettazione di ecosistemi software di gestione del Manufacturing.

Argomenti:

Articolazione di un sistema produttivo complesso e su scala internazionale

Infrastrutture Industriali di supporto ai sistemi di produzione

Evoluzione storica dei sistemi di manufacturing

Piattaforme digitali per la fabbrica

Principali soluzioni architetturali Corporate

MODULO: PRINCIPI DI MANAGEMENT E GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

  • Economia aziendale
  • Comportamento organizzativo
  • Sviluppare la leadership
  • Lean Management
  • Management: gestione e motivazione delle persone

ECONOMIA AZIENDALE

Obiettivi

L’insegnamento di Economia aziendale introduce gli allievi a una visione unitaria dei fenomeni aziendali.

Il corso offre gli elementi per comprendere il ruolo delle diverse funzioni tecnico-professionali nel concorrere allo sviluppo e alla funzionalità duratura dell’impresa.

Al fine di approfondire le conoscenze del funzionamento delle aziende, il corso si divide in due moduli. Il primo modulo sviluppa i fondamenti dell’economia aziendale, mentre il secondo modulo sviluppa il tema del sistema informativo contabile nelle imprese.

Argomenti

1 – Fondamenti di Economia aziendale

  • Il concetto di azienda e l’economia aziendale
  • Finalità delle aziende
  • Gli assetti istituzionali. Economicità
  • La struttura della azienda, l’ambiente economico, il sistema competitivo
  • Le scelte aziendali: economiche, di estensione, di organizzazione

2 – Introduzione al bilancio di esercizio

  • Le finalità del bilancio di esercizio e la logica della partita doppia per la rilevazione contabile degli accadimenti di gestione
  • Elementi fondamentali per la lettura e l’interpretazione del bilancio di esercizio: la riclassificazione degli schemi di stato patrimoniale e conto economico
  • La costruzione dei principali indicatori o quozienti di bilancio

COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO

Obiettivi

Obiettivo del corso è sviluppare competenze e strumenti per gestire in modo efficace le principali dinamiche organizzative.

Argomenti

1. Cultura organizzativa e ambiente di lavoro:

  • Decifrare la cultura aziendale
  • Relazione tra cultura e valori

2. Modelli e stili di comunicazione:

  • L’approccio professionale alla comunicazione interpersonale
  • Analisi dell’interlocutore: caratteristiche e motivazioni di fondo
  • Le strategie comunicazionali efficaci in ragione delle caratteristiche dell’interlocutore

3. Fiducia:

  • Gli elementi chiave della fiducia
  • Quando viene meno la fiducia

4. Propensione al nuovo:

  • Uscire dalla scatola
  • Condizioni per generare il nuovo

5. Resilienza e gestione dello stress:

  • Emozioni e comportamento
  • Superare i propri limiti

SVILUPPARE LA LEADERSHIP

Obiettivi

Il corso mira a sviluppare la capacità di leadership, intesa come il saper costruire un proprio percorso di crescita e sviluppo personale e professionale, e di essere sempre più consapevoli dei propri punti di forza e di debolezza. La padronanza personale verrà utilizzata quale competenza chiave in questo percorso di self-leadership.

Argomenti

  • Padronanza Personale e self- leadership
  • La visione personale
  • Il sentiero della minor resistenza
  • Credenze depotenzianti e potenzianti
  • Leadership e lavoro di squadra

LEAN MANAGEMENT

Obiettivi

In un contesto in continua evoluzione, per garantire livelli di performance eccellenti, è necessario mettere in discussione gli attuali paradigmi e aprirsi a nuove tecniche di miglioramento dei processi aziendali. Il corso propone una completa panoramica dei fondamentali principi e delle tecniche lean: riduzione dei costi totali, la diminuzione dei tempi di consegna, l’aumento della flessibilità, l’eliminazione degli sprechi, la riduzione degli scarti. Saranno offerti suggerimenti per l’applicazione e l’adattamento dei principi Lean alla realtà lavorativa dei partecipanti, al fine di aumentare la produttività e la resilienza di business, riducendo al contempo gli sprechi.

Argomenti

  • Dare valore per il cliente: mappare il valore e definire gli obiettivi di miglioramento
  • Modulare la produzione in base alla domanda del cliente
  • Riduzione dei tempi di set up
  • TPM e SMED: affidabilità degli impianti
  • LTR ed indice di flusso: riduzione del tempo di attraversamento

MANAGEMENT: GESTIONE E MOTIVAZIONE DELLE PERSONE

Obiettivi

La maggior parte delle organizzazioni utilizza modelli di management vecchi di almeno 50 anni e non più adatti alle nuove sfide. Reinventare il management è di fondamentale importanza, in quanto il vantaggio competitivo non si ottiene solamente con un buon modello di business ma anche con un valido modello di management. Il corso dopo avere affrontato e declinato la differenza tra Business Model e Management Model propone un nuovo modello di management (Management 3.0) ed il profilo delle nuove competenze che il Manager 3.0 deve possedere per gestire il presente, creare il futuro e costruire organizzazioni dove le persone siano realmente i principali stakeholder.

Argomenti

  • Business Model & Management Model
  • L’importanza del “Why”
  • Cosa fare per permettere alle persone di lavorare al meglio
  • Il processo delega
  • Il processo psicologico in base al quale la motivazione nasce, si sviluppa e svanisce
  • Le teorie fondamentali sulla motivazione
  • Credenze erronee riguardo alla motivazione
  • Quando premiare equivale a deprimere
  • Prima di motivare evitiamo di demotivare
  • Dalla motivazione all’engagement
  • Misurare l’engagement

MODULO: PROBLEM SOLVING & DECISION MAKING E GESTIONE DEI PROCESSI DI CAMBIAMENTO

  • Problem solving & decision making: pensiero sistemico in azione
  • Change Management
  • Project management

PROBLEM SOLVING & DECISION MAKING: PENSIERO SISTEMICO IN AZIONE

Obiettivi

La sessione si propone di portare i partecipanti a comprendere le logiche di base e gli strumenti utili all’analisi, alla definizione e risoluzione efficace dei problemi aziendali individuando le caratteristiche del processo decisionale più opportuno e definendone pregi e difetti.

 

Argomenti

  • Le fasi del problem solving & decision making
  • Mappare e gestire la complessità: il linguaggio e gli strumenti del Pensiero Sistemico
  • Riconoscere i motori della crescita e i fattori limitanti
  • Come trovare l’effetto leva
  • Dynamic Thinking: cogliere i mille rimbalzi della pallina
  • Cosa accade se: dalla strategia alla simulazione dinamica

CHANGE MANAGEMENT

Obiettivi

  • Comprendere le varie fasi del processo di cambiamento ed imparare a gestirle con successo.
  • Fornire strumenti e competenze per imparare a gestire con successo il processo di change management.

Argomenti

Change management in azione:

  • I pilastri del cambiamento
  • Cambiamento ed apprendimento, un binomio inscindibile
  • Il processo di cambiamento autodiretto
  • Paure, resistenze: come superarle
  • Più spingi più resisto: imparare ad aspettare il m omento giusto.
  • CHKEYS: un modello di cambiamento in 7 fasi.

Cambiamento e cultura aziendale:

  • Sviluppare la cultura del cambiamento
  • Cambiamento operativo, strategico, organizzativo e culturale

PROJECT MANAGEMENT

Obiettivi

  • Conoscere le principali metodologie e la strumentazione tecnica
  • Acquisire la consapevolezza delle difficoltà di gestione di un progetto

Argomenti

Apprendimento di un modello per la gestione dei progetti

  • Il ruolo del Project Manager e degli altri attori insieme alle relazioni organizzative
  • Definire gli obiettivi del progetto; modalità e impatto sulla soddisfazione del cliente
  • L’incertezza del progetto: rischi ed opportunità

Conoscere le fasi di progetto e sperimentare la pianificazione e il controllo

  • Acquisire la conoscenza per la corretta gestione delle Fasi: Avvio, Impostazione, Pianificazione, Esecuzione, Monitoraggio e Chiusura
  • Imparare l’utilizzo della WBS (Work Breakdown Structure) nella pianificazione del progetto
  • Costruire il reticolo di relazioni tra le diverse attività, valutare il costo e i tempi, individuare e utilizzare il percorso critico

Apprendere gli strumenti per la gestione

  • Monitorare lo stato di avanzamento
  • Analizzare gli scostamenti ed aggiornare le previsioni
  • Impostare efficacemente le azioni correttive

Apprendere gli strumenti per la gestione manageriale di un progetto

  • La comunicazione efficace in un progetto
  • La gestione del team e la leadership di progetto
  • Prevenire i conflitti e negoziare

MODULO: COMPETENZE DI VENDITA E COMMERCIALI

  • Vendite e Team Selling
  • Gestione di account e di vendite complesse

VENDITE E TEAM SELLING

Obiettivi

  • Apprendere le tecniche per una efficace gestione del ciclo della vendita
  • Acquisire competenze per la gestione degli atteggiamenti sulla base dello stile comportamentale del cliente
  • Apprendere l’importanza delle tecniche di negoziazione per il raggiungimento degli obiettivi
  • Comprendere le dinamiche della vendita in Team

Argomenti

Il ciclo della vendita

  • Analisi delle fasi necessarie per una efficace gestione della vendita
  • Comprendere i fabbisogni dei clienti
  • Domande ed ascolto strategico per comprendere meglio i fabbisogni dei clienti

Stili comportamentali e Atteggiamenti dei clienti

  • I diversi atteggiamenti del cliente e le tecniche per una efficace gestione
  • Gli stili comportamentali, il modello DISC
  • Tecniche e metodi per una efficace gestione e fidelizzazione dei clienti in ottica relazionale

La negoziazione e la vendita in Team

  • Le basi per una efficace negoziazione
  • Tecniche di negoziazione efficace
  • Le fasi di creazione di un Team
  • La gestione del cliente da un Team completo

COME ISCRIVERSI

STEP 1: APPLICATION/DOMANDA DI AMMISSIONE

E’ possibile effettuare la domanda di ammissione non oltre il 30/09/18 cliccando qui o tramite il tasto “APPLICATION” nella pagina di presentazione del master.

Per prendere visione delle modalità di ammissione: (Scarica PDF)

 

STEP 2: GRADUATORIA

La graduatoria degli ammessi al Master sarà visibile dal 5/10/2018 e sarà consultabile cliccando su “GRADUATORIA” nella pagina di presentazione del Master.

 

STEP 3: ISCRIZIONE/IMMATRICOLAZIONE

Tutti coloro che rientrano nella graduatoria potranno procedere a formalizzare l’iscrizione al master dal 5/10/2018 al 12/10/2018 cliccando qui o tramite il tasto “ISCRIZIONI” nella pagina del master.

Prima di procedere vi preghiamo di consultare qui le modalità di immatricolazione.


UDITORE? COME ISCRIVERSI

Per procedere con l’iscrizione in qualità di uditore è necessario compilare la scheda qui allegata, firmarla e consegnarla a mano o inviarla in originale (R/R 1) al recapito sotto riportato, unitamente agli allegati richiesti e alla marca da bollo di € 16.00.

Elisabetta Mentasti
Ufficio Master
Università Carlo Cattaneo – LIUC Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (VA)

GRADUATORIA

+39 0331 572111

info@liuc.it

(C) Università Carlo Cattaneo LIUC | C.so Matteotti, 22 - 21053 Castellanza (VA) | Codice Fiscale e Partita IVA 02015300128