MASTER


Management delle Residenze Sanitarie Assistenziali – MaRSA – 2° livello

HOME
BANDO
REGOLAMENTO
PIANO DI STUDI
SYLLABUS

Management delle Residenze Sanitarie Assistenziali – MaRSA – 2° livello

Giunto alla sua settima edizione, il Master in Management delle Residenze Sanitarie Assistenziali costituisce un unicum nel panorama della formazione manageriale in ambito socio-sanitario, che è già stato portato a compimento con successo da oltre 215 professionisti provenienti da quasi tutte le Regioni italiane.

Grazie al patrimonio conoscitivo, culturale ed esperienziale maturato dall’Osservatorio Settoriale sulle RSA della LIUC Business School in circa 15 anni di attività, il Master rappresenta un percorso sfidante le cui caratteristiche distintive sono:

  • l’approccio pragmatico, garantito anche grazie al corretto bilanciamento tra docenti dell’accademia ed esperti provenienti dal mondo professionale;
  • la capacità di contestualizzare tutti i contenuti didattici alle peculiarità del settore socio-sanitario;
  • la possibilità di confronto inter-regionale tra i partecipanti;
  • la visione multidisciplinare, indispensabile per alimentare innovazione e cambiamenti nei processi di erogazione dei servizi socio-sanitari.

Calendario

21, 22 aprile 2020
19, 20, 21 maggio 2020
16, 17 giugno 2020
14, 15, 16 luglio 2020
22, 23, 24 settembre 2020
20, 21, 22 ottobre 2020
17, 18, 19 novembre 2020
15, 16, 17 dicembre 2020
19, 20, 21 gennaio 2021
16, 17, 18 febbraio 2021
16, 17, 18 marzo 2021
18, 19, 20 maggio 2021
15, 16, 17 giugno 2021

orario delle lezioni: 9.30-13.30; 14.30-18.30

DESTINATARI

Il Master si rivolge a coloro che già ricoprono ruoli di Direttori e Gestori di RSA, nonché a coloro che ambiscono a ricoprire tali posizioni organizzative mediante opportuni percorsi di carriera interna o esterna. Il Master è aperto anche a Direttori Amministrativi, Direttori Sanitari, Coordinatori, Responsabili di organi di staff e/o di altre unità organizzative intermedie ad alta complessità presenti in RSA e altri servizi socio-sanitari di natura complementare.

OBIETTIVI

  • Consolidare le basi concettuali e metodologiche di quelle expertise acquisite sul campo senza la possibilità di avere solidi e pregressi costrutti teorici di riferimento.
  • Utilizzare la leva formativa come momento privilegiato per favorire lo scambio di esperienze professionali e vissuti personali maturati in analoghi contesti organizzativi.
  • Leggere con rinnovate conoscenze teorico-pratiche e con approccio multi disciplinare la complessiva evoluzione in atto nel settore della long-term care e della non autosufficienza.
  • Tradurre i contenuti didattici in policy e strumenti utili a fronteggiare le complessità economiche, gestionali ed organizzative tipiche delle RSA e degli altri servizi di natura complementare.
  • Distaccarsi dalla routine lavorativa per trovare dei momenti di pensiero e di riflessione finalizzati alla crescita personale e professionale.

QUOTA D'ISCRIZIONE

€ 4.700

Per i partecipanti provenienti da RSA aderenti all’Osservatorio Settoriale sulle RSA e/o a SENIORnet istituiti presso l’Università Carlo Cattaneo – LIUC, per gli associati ANSDIPP e per i partecipanti provenienti da RSA aderenti all’UNEBA, la quota complessiva di partecipazione al Master è di Euro 4.300. Per usufruire della suddetta quota agevolata, è necessario che l’adesione all’Osservatorio Settoriale sulle RSA e/o a SENIORnet e/o ad ANSDIPP e/o a UNEBA risulti in corso di validità al momento di avvio del Master.

COLLABORAZIONI

ANSDIPP – Associazione dei Manager del Sociale e del Sociosanitario

UNEBA – Unione Nazionale Istituzione e Iniziative di Assistenza Sociale

BANDO

Anno Accademico 2020-2021

 

Articolo 1 – Il Master

L’Università Carlo Cattaneo – LIUC istituisce un concorso per l’ammissione al Master Universitario di secondo livello in Master in Management delle Residenze Sanitarie Assistenziali MaRSA, di seguito semplicemente Master. La gestione e la frequenza al Master sono organizzate in conformità allo Statuto e ai Regolamenti di Ateneo oltre che al Regolamento dei Master universitari approvato dagli organi accademici.

Il Master prevede collaborazioni con:

ANSDIPP Associazione dei Manager del Sociale e del Sociosanitario

UNEBA Unione Nazionale Istituzione e Iniziative di Assistenza Sociale.

 

Articolo 2 – Requisiti di ammissione

2.1 – Destinatari      

Il Master si rivolge a coloro che già ricoprono ruoli di Direttori e Gestori di RSA, nonché a coloro che ambiscono a ricoprire tali posizioni organizzative mediante opportuni percorsi di carriera interna o esterna. Il Master è aperto anche a Direttori Amministrativi, Direttori Sanitari, Coordinatori, Responsabili di organi di staff e/o di altre unità organizzative intermedie ad alta complessità presenti in RSA e altri servizi socio-sanitari di natura complementare.

2.2 – Titoli di studio necessari

Per l’ammissione al Master è indispensabile il possesso di una laurea di 2° livello in una qualsiasi disciplina.

2.3 – Titoli di studio conseguiti presso università non italiane

Per i titoli di studio conseguiti in università non italiane occorre la dichiarazione di valore in loco rilasciata dalla competente autorità diplomatica della rappresentanza italiana all’estero competente per territorio (Ambasciata italiana o Consolato italiano) su carta intestata completa di relativo timbro in originale e attestante gli anni di scolarità pregressa (minimo 12) e che ne attesti l’equivalenza con il corrispondente titolo italiano. I titoli vengono valutati da un’apposita Commissione.

2.4 – Altri requisiti necessari

Per essere ammessi al Master è necessario lavorare presso una RSA o in servizi affini/complementari o comunque possedere un forte interesse per il settore socio-sanitario.

 

Articolo 3 – Posti disponibili

3.1 – Partecipanti a pieno titolo

Il numero di iscritti effettivi è fissato in un minimo di 25 e in un massimo di 40 partecipanti.

3.2 – Laureandi

Non sono ammessi laureandi.

 

Articolo 4 – Direzione e Comitato di Direzione Scientifica

Il Direttore scientifico del Master è Antonio Sebastiano.

Il Comitato di Direzione Scientifica è composto da: Antonio Sebastiano, Davide Croce, Marco Petrillo, Sergio Sgubin, Luca Degani e Marco Bertani.

 

 

 

 

Articolo 5 – Organizzazione didattica del Master

5.1 – Durata del Master e CFU

Il Master ha la durata di 19 mesi e riconosce 62 Crediti Formativi Universitari (CFU). Il Master è a tempo parziale. Le ore d’aula frontale sono previste in un numero di 296 con crediti, alle quali si aggiungono le ore di Distance Learning e il Project Work. Il Piano degli Studi è allegato al presente Bando e ne costituisce parte integrante.

5.2 – Sede del Master

Le lezioni del Master si tengono presso l’Università Carlo Cattaneo – LIUC di Castellanza.

5.3 – Lingua

Le lezioni e le prove d’esame del Master si svolgono in lingua italiana.

5.4 – Calendario delle lezioni

Il calendario dettagliato delle lezioni e degli esami viene pubblicato sul sito del Master (Area riservata).

La giornata di apertura del Master è prevista per il giorno 21 aprile 2020.

Le discussioni dei progetti finali si terranno il 22 ottobre 2021.

5.5 – Requisiti di Frequenza

Gli iscritti sono tenuti a seguire i corsi delle lezioni e a partecipare alle attività pratiche.

Per il conseguimento del Diploma di Master è richiesto il superamento delle prove di esame di ogni singolo corso e il rispetto della frequenza pari ad almeno il 70% di ogni singolo modulo costituito da un insieme di corsi omogenei sotto il profilo dei contenuti, nonché delle ulteriori attività previste nel Piano degli Studi. È inoltre indispensabile il superamento di un esame finale consistente nella discussione di una dissertazione scritta su una o più tematiche sviluppate durante il Master.

 

 

Articolo 6 – Domanda di ammissione alla selezione e procedure di selezione

6.1 – Domanda di ammissione

Il costo di ammissione al processo di selezione è pari a 50 Euro. Il candidato deve presentare domanda di ammissione al concorso di selezione compilando il modulo presente on line nella pagina del Master entro il 3 marzo 2020, allegando i seguenti documenti:

– per i possessori di titolo di studio conseguito in Italia:

  • copia del versamento di 50 Euro;
  • autocertificazione (debitamente firmata) attestante conseguimento del Titolo di studio;
  • curriculum vitae con fotografia indicante la posizione lavorativa ricoperta attualmente ed il numero degli anni di lavoro;
  • fotocopia (fronte e retro) firmata della carta d’identità e del codice fiscale;
  • se studente extra U.E. il visto di ingresso per partecipare alla selezione o la ricevuta della richiesta di visto;
  • eventuali certificazioni di conoscenza di lingua italiana se disponibile: l’accertamento delle conoscenze linguistiche sarà comunque svolta dalla commissione di selezione;
  • eventuali lettere di referenza.

 

– per i possessori di titolo di studio conseguito all’estero:

  • copia del versamento di 50 Euro;
  • certificato di laurea e diploma originale rilasciato dalla competente autorità accademica con relativa traduzione ufficiale in lingua italiana;
  • certificato attestante gli esami superati e relativa votazione rilasciato dalla competente autorità accademica;
  • dichiarazione di valore in loco della Rappresentanza italiana all’estero competente per territorio (Ambasciata italiana o Consolato italiano) su carta intestata completa di relativo timbro in originale e attestanti gli anni di scolarità pregressa (min. 12);
  • legalizzazione consolare di tutti i documenti redatti in lingua straniera ai fini della selezione;
  • curriculum vitae con fotografia indicante la posizione lavorativa ricoperta attualmente ed il numero degli anni di lavoro;
  • fotocopia fronte retro firmata del passaporto o della carta di identità ed eventuale codice fiscale;
  • se studente extra U.E. il visto di ingresso per partecipare alla selezione o la ricevuta della richiesta di visto;
  • eventuali lettere di referenza;
  • eventuali certificazioni di conoscenza di lingua italiana se disponibile: l’accertamento delle conoscenze linguistiche sarà comunque svolta dalla commissione di selezione.

I candidati di nazionalità straniera dovranno presentare la domanda in tempo utile per poter procedere con l’emissione del visto.

6.2 – Procedura di selezione

Le candidature pervenute saranno valutate da una specifica Commissione, composta dal Direttore del Master, dal Coordinatore del Master e da un docente del Master.

La selezione dei candidati sarà effettuata mediante: valutazione del curriculum studiorum e votazione di laurea; valutazione dell’esperienza professionale; valutazione delle motivazioni personali come emerse dalla domanda e/o dal colloquio.

Al termine della selezione verrà stilato e pubblicato sulla relativa pagina web del Master l’elenco degli ammessi e verranno fornite le modalità per procedere alla formalizzazione dell’immatricolazione.

6.3 – Immatricolazione

L’iscrizione al Master verrà formalizzata compilando la domanda di immatricolazione reperibile on line all’indirizzo https://sol.liuc.it e con il pagamento della quota di iscrizione. La domanda dovrà essere stampata e presentata a mano o spedita tramite posta raccomandata con ricevuta di ritorno tipo 1 alla c.a. di Elisabetta Mentasti – Ufficio Master, Corso Matteotti, 22 – 21053 Castellanza (Va), entro il 27 marzo 2020 (farà fede il timbro postale), allegando copia della ricevuta di pagamento.

Agli studenti immatricolati verrà rilasciata una tessera di riconoscimento, LIUC CARD, valida per l’intero percorso di studi. La LIUC CARD è strettamente personale e dovrà essere presentata in occasione di esami o altre attività previste dal percorso di studi come unico documento identificativo dello studente. Al termine degli studi o in caso di trasferimento, decadenza o rinuncia agli studi, tale documento deve essere restituito all’Ufficio Master.

Lo studente extra U.E. dovrà presentare inoltre il visto di ingresso per studio valido per la durata dell’intero Master o la ricevuta della richiesta di visto.

6.4 – Smarrimento LIUC CARD

In caso di furto, smarrimento o distruzione della LIUC CARD, lo studente dovrà esplicitare le circostanze in cui è avvenuto il fatto e chiedere il rilascio del duplicato (il costo del duplicato della LIUC CARD è di 20 Euro) presentando all’Ufficio Master:

– domanda redatta in carta legale contenente le generalità del richiedente e il numero di matricola;

– autodichiarazione di furto o smarrimento.

Lo studente è responsabile personalmente di eventuali alterazioni della propria LIUC CARD.

 

Articolo 7 – Tasse e contributi

7.1 – Iscritti a pieno titolo

La quota complessiva di partecipazione al Master è di Euro 4.700.

Per i partecipanti provenienti da RSA aderenti all’Osservatorio Settoriale sulle RSA e/o a SENIORnet istituiti presso l’Università Carlo Cattaneo – LIUC, per gli associati ANSDIPP e per i partecipanti provenienti da RSA aderenti all’UNEBA, la quota complessiva di partecipazione al Master è di Euro 4.300. Per usufruire della suddetta quota agevolata, è necessario che l’adesione all’Osservatorio Settoriale sulle RSA e/o SENIORnet e/o ANSDIPP e/o UNEBA risulti in corso di validità al momento di avvio del Master.

La prima rata deve essere pagata al momento dell’iscrizione per l’importo di 2.350 Euro a cui va aggiunto l’importo dell’imposta di bollo pari a 16 Euro.

La seconda rata di 2.350 Euro deve essere pagata entro il 20 luglio 2020.

7.2 – Restituzione delle tasse

In caso di attivazione del Master, come da Articolo 4 del Regolamento Master, i candidati iscritti non hanno diritto in nessun caso alla restituzione delle tasse, soprattasse e contributi pagati.

 

Articolo 8 – Decreto Rettorale di emanazione del Bando

Il Bando del Master è emanato con Decreto del Rettore e reso pubblico sul sito web dell’Università www.liucbs.it.

REGOLAMENTO

Articolo 1 – Ambito di applicazione

L’Università Carlo Cattaneo – LIUC (di seguito definita LIUC) attraverso la Divisione Ricerca e Formazione (d’ora in poi denominata LIUC Business School) promuove, anche in collaborazione con altri Atenei italiani o stranieri, con Enti e soggetti pubblici o privati italiani o stranieri, Master universitari di primo e secondo livello (di seguito generalmente definiti Master).

I Master sono istituiti ai sensi dell’art. 28 dello Statuto, dell’art. 28 del Regolamento Generale di Ateneo, dell’art. 17 del Regolamento Didattico di Ateneo e organizzati nel rispetto del Regolamento di Ateneo per la Divisione Ricerca e Formazione e delle disposizioni del presente Regolamento.

Articolo 2 – Definizione e struttura

I Master universitari di primo e secondo livello hanno l’obiettivo di preparare i laureati al mondo del lavoro fornendo loro competenze utili all’inserimento in ambito professionale e lavorativo e/o di fornire gli strumenti necessari a chi già lavora e ha necessità di aggiornamento e approfondimento.

I Master hanno di norma la durata di un anno accademico e riconoscono almeno 60 Crediti Formativi Universitari secondo la normativa vigente. Sono previste ore di aula frontale, seminari ed altre attività (non inferiori a 240 ore), un tirocinio e/o la realizzazione di un project work.

Il numero minimo ed il numero massimo degli iscritti sono definiti nel Bando approvato per la partecipazione ai singoli Master (di seguito Bando), tenuto conto delle regole generali stabilite dalla LIUC Business School, dei requisiti di qualità della didattica d’aula e nel rispetto dell’equilibrio economico del Master.

Le materie di insegnamento possono essere integrate da corsi, conferenze e seminari su argomenti specialistici tenuti da studiosi delle varie materie. Il percorso formativo può essere a tempo pieno o parziale.

Il conseguimento dei crediti corrispondenti alle varie attività è subordinato, oltre al rispetto degli obblighi di frequenza e alla regolarità amministrativa, al superamento di tutte le prove di verifica programmate.

Articolo 3 – Requisiti per l’ammissione

Per l’ammissione al Master di primo livello è indispensabile il possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • laurea di cui al D.R. n.270/04 o titolo equipollente di precedenti ordinamenti;
  • altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo.

Per l’ammissione al Master di secondo livello è indispensabile il possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • laurea magistrale di cui al D.R. n.270/04 o titolo equipollente di precedenti ordinamenti;
  • diploma di laurea di cui alla legge 341/90;
  • altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo.

Il riconoscimento dell’idoneità dei titoli di studio conseguiti all’estero ai soli fini dell’ammissione ai corsi Master universitari è disposto da una Commissione appositamente nominata composta dal Rettore, dal Dean della Liuc Business School e dal Direttore della Divisione Didattica, nel rispetto degli accordi internazionali e delle disposizioni normative in materia.

Il candidato dovrà presentare domanda di ammissione alla selezione compilando il modulo presente on line all’interno del sito del Master, pagando la tassa di iscrizione alla selezione e inviando tutti i documenti specificati nel Bando. Le candidature saranno valutate da una specifica Commissione di selezione a tal fine nominata attraverso una o più delle seguenti modalità: valutazione curriculare, valutazione della esperienza lavorativa, valutazione delle motivazioni espresse nella domanda di ammissione, colloquio attitudinale/motivazionale, valutazione di conoscenza della lingua richiesta per la partecipazione, test d’ingresso.

Le norme nazionali non consentono l’iscrizione contemporanea a più corsi di studio universitari. Il candidato pertanto dovrà dichiarare di non trovarsi in tale situazione di incompatibilità.

I laureandi, triennali o magistrali, in relazione al titolo necessario per l’ammissione al Master una volta superate le prove di selezione previste, possono iscriversi “in ipotesi” ai Master, presentando istanza al Direttore del Corso.

L’iscrizione potrà essere perfezionata solo dopo il conseguimento della Laurea purché la stessa sia stata ottenuta nell’Anno Accademico antecedente a quello di svolgimento del Master.

Nel caso lo studente non riuscisse a laurearsi nell’Anno Accademico antecedente, la sua iscrizione al Master sarà considerata nulla e gli importi pagati a titolo di frequenza restituiti o potrà, presentando istanza al Direttore del Corso, proseguire la frequenza al Master in qualità di uditore.

Nel rispetto di quanto previsto ai precedenti punti, i requisiti e le competenze necessari per l’ammissione agli specifici Master, coerenti con gli obiettivi dei corsi, sono definiti nei relativi Bandi.

Articolo 4 – Tasse e contributi

Le quote di partecipazione al Master e le modalità di versamento delle stesse sono indicate nel Bando.

I candidati dovranno dichiarare nella domanda di iscrizione di conoscere ed accettare l’Art. 27 del Regolamento Studenti, approvato con R.D. n.1269/38, che qui si intende richiamato ed applicato al Master, altresì dichiarando di accettare e riconoscere di non avere diritto in nessun caso, alla restituzione delle tasse, soprattasse e contributi pagati.

Articolo 5 – Prove di verifica

Per il conseguimento del Diploma di Master è richiesto il superamento delle prove di esame di ogni singolo corso e il rispetto della frequenza, laddove richiesta, pari ad almeno il 70% di ogni singolo corso o modulo costituito da un insieme di corsi omogenei sotto il profilo dei contenuti, nonché delle ulteriori attività previste nel Piano degli Studi. E’ inoltre indispensabile il superamento di un esame finale consistente nella discussione di una dissertazione scritta su una o più tematiche sviluppate durante il Master e/o approfondite durante il tirocinio.

Eventuali esami residui potranno essere recuperati in apposite sessioni. I voti d’esame sono espressi in trentesimi.

La Commissione degli esami di profitto è definita dal Direttore scientifico del Master.

La Commissione giudicatrice dell’esame finale è costituita da cinque docenti del Master. La votazione finale tiene conto delle valutazioni conseguite nelle attività formative precedenti, in particolare della media ponderata delle votazioni in trentesimi espressa in centodecimi, cui è possibile aggiungere fino ad un massimo di otto centodecimi, avuto riguardo alle altre attività svolte (tirocinio, project work, tesi, ecc.) e alla valutazione complessiva dello studente.

Tutte le tesi dei corsi Master devono essere sottoposte alla valutazione del software antiplagio. Qualora la verifica antiplagio dovesse evidenziare parti dell’elaborato non genuine, l’estensore non sarà ammesso a sostenere la discussione della tesi, fatta salva, laddove applicabile, la normativa prevista nel R.D. 20 giugno 1935, n. 1071 Modifiche ed aggiornamenti al testo unico delle leggi sulla istruzione superiore ed alla L. n. 475 del 19.4.1925 di Repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche.

E’ prevista una sessione ordinaria di tesi ed una di eventuale recupero in caso di gravi e giustificati motivi da parte del candidato. Tra la prima e la secondo sessione devono intercorrere almeno 20 giorni lavorativi.

Per i Master con più di 50 iscritti possono essere previste due sessioni ordinarie di tesi ed una eventuale straordinaria.

A coloro che abbiano superato l’esame finale viene rilasciato il Diploma di Master universitario di primo o secondo livello.

Nel caso in cui lo studente, per giustificato motivo oggettivo, non riuscisse a sostenere la prova finale entro la seconda sessione di tesi programmata, potrà chiedere di poter discutere nella sessione di tesi di un’edizione successiva presentando istanza con marca da bollo al Direttore scientifico del Master, pagando le vigenti spese di segreteria. Nel caso in cui l’Università non avviasse una nuova edizione allo studente verrà rilasciata una certificazione di frequenza del Master, ma non potrà essere rilasciato il titolo legale.

Articolo 6 – Richiesta sospensione ed iscrizione ad edizione successiva

Lo studente iscritto ad un Master che non abbia ancora sostenuto tutti gli esami può presentare al Direttore scientifico del Master istanza di sospensione per giustificato motivo oggettivo con conseguente chiusura della carriera, previo saldo dell’intero importo dovuto riportato a Bando. Potrà in seguito, nel caso in cui siano attivate ulteriori edizioni, completare il Master nella sola prima edizione utile riscrivendosi e presentando al Direttore scientifico del Master una seconda istanza di immatricolazione con riconoscimento dei crediti già acquisiti e dei versamenti già effettuati, pagando la vigente tassa di segreteria, l’imposta di bollo secondo il valore vigente e l’eventuale integrazione di quanto dovuto per la copertura dei costi della nuova edizione.

Nel caso in cui la sospensione dal Master non fosse avvenuta per giustificato motivo oggettivo, lo studente dovrà versare l’eventuale saldo delle tasse dell’edizione Master alla quale era originariamente iscritto. Nel caso in cui decidesse di riscriversi ad un’edizione successiva del Master dovrà pagare interamente l’importo relativo alla nuova edizione e, pagando la vigente tassa di segreteria, gli verranno riconosciuti i crediti acquisiti compatibili con il piano di studi relativo alla nuova edizione. Le istanze validate dal Direttore scientifico del Master verranno vagliate dal Dean della Liuc Business School. Se nessuna edizione successiva dovesse essere attivata, lo studente non potrà completare il percorso Master.

Articolo 7 – Uditori

I singoli Bandi possono prevedere l’ammissione di uditori all’intero Master. Il numero degli uditori non può superare il 20% degli iscritti a pieno titolo.

L’iscrizione come uditore può essere ammessa, nei limiti stabiliti, solo a soggetti non in possesso dei titoli di ammissione necessari. In nessun caso sarà quindi possibile convertire l’iscrizione come uditore in un’iscrizione effettiva al Master.

Gli uditori all’intero Master possono ottenere una dichiarazione di frequenza se frequentano almeno il 70% delle attività previste, ad eccezione del tirocinio, ma non possono ottenere il riconoscimento di Crediti Formativi Universitari.

Articolo 8 – Norme etiche

Gli studenti dei Master universitari sono a pieno titolo studenti dell’Università con tutti gli obblighi e i diritti degli studenti dei corsi di laurea attivi. Le violazioni al Codice etico e disciplinare della comunità universitaria adottato dall’Università e pubblicato sul sito Internet dell’Università all’indirizzo http://www.liuc.it/chi-siamo/statuto-codice-etico/codice-etico/ sono oggetto di procedure disciplinari.

Articolo 9 – Proposta di attivazione

La proposta di attivazione di un Master universitario può venire da un docente strutturato o non strutturato oppure da un cliente potenziale.

Il Dean della LIUC Business School ha il compito di valutare le proposte di attivazione che, saranno presentate al Consiglio Accademico. L’attivazione dei Master universitari è disposta con Decreto del Rettore a seguito di delibera del Consiglio di Amministrazione su proposta del Consiglio Accademico.

Le proposte sono deliberate dagli organi competenti di norma entro il 30 luglio.

La proposta dovrà essere redatta secondo lo schema predisposto dagli uffici competenti e, di norma, dovrà specificare:

  1. la denominazione del corso e la specifica ”Master di I° livello” oppure “Master di II° livello”;
  2. la lingua del corso e gli eventuali requisiti di competenza linguistica necessari;
  3. i requisiti di partecipazione al concorso di selezione in termini di titoli di studio necessari fermi restando i requisiti minimi di legge e altri requisiti in termini di competenze ed esperienza richieste;
  4. il profilo professionale e le competenze attese in uscita;
  5. l’indicazione del Direttore scientifico del Master;
  6. la composizione del Comitato di Direzione scientifica, se istituito, con un numero di membri non inferiore a tre;
  7. il numero massimo di studenti ammessi ed il numero minimo previsto per l’attivazione del corso;
  8. l’eventuale ammissione di uditori;
  9. la durata del corso e se il corso è full time / part time;
  10. il target di prezzo specificando le eventuali rateizzazioni;
  11. il piano finanziario (budget);
  12. la sede del corso, le eventuali altre sedi universitarie con cui consorziarsi e il loro apporto nel contesto didattico, organizzativo e finanziari;
  13. il Piano degli Studi (aula e attività specifiche come project work, tesi, stage etc., definite all’interno del programma);
  14. il Syllabus di dettaglio di ogni singolo corso con indicazione dei docenti previsti;
  15. eventuali enti e soggetti esterni che collaborano allo svolgimento del Master.

L’Università si riserva di non attivare il Master in caso di mancato raggiungimento del numero minimo di iscritti, dandone tempestiva comunicazione agli interessati entro il 10° giorno antecedente la data prevista di inizio. In caso di mancata attivazione del Master, si provvederà a restituire le eventuali somme incassate dall’Università con esclusione di ulteriori altre spese, materiali e non, sostenute dal candidato.

Articolo 10 – Organi del Corso

Il Direttore scientifico del Master esplica la sua attività nel rispetto dello Statuto, del Regolamento didattico di Ateneo e del Regolamento di Ateneo per la Divisione Ricerca e Formazione e del Codice Etico.

Il Direttore scientifico:

  • propone al Dean della LIUC Business School il corpo docenti del Master;
  • può nominare un Coordinatore delegandolo alla cura degli aspetti organizzativi;
  • assume la responsabilità del funzionamento del corso e assicura lo svolgimento di tutte le attività organizzative definite nella programmazione didattica;
  • assegna le tesi;
  • firma i diplomi congiuntamente al Rettore e al Direttore Generale.

Può essere istituito un Comitato di Direzione Scientifica che, insieme al Direttore scientifico, provvede ad orientare il Master sul piano dei contenuti necessari per una proficua formazione degli studenti. Il Comitato di Direzione Scientifica è composto da membri appartenenti al mondo universitario o qualificati professionisti del settore e resta in carica per l’intera durata del Master.

Articolo 11 – Bando di attivazione

Il Bando, emanato con Decreto del Rettore, deve contenere: la denominazione del Master, eventuali Partnership, gli obiettivi e la lingua del Master, le modalità di iscrizione, i requisiti di accesso e gli eventuali titoli di studio valutabili, la documentazione richiesta, i termini e le modalità di svolgimento della selezione, il numero minimo e massimo degli allievi previsti, la sede, la durata, il piano degli studi, il calendario delle lezioni, la quota di partecipazione, le eventuali agevolazioni economiche.

Qualora fossero previste Borse di studio, per la copertura totale o parziale della retta di iscrizione al Master, verrà emanato uno specifico Bando per la loro assegnazione.

Articolo 12 – Piano Finanziario

Il Budget è predisposto dal Direttore scientifico del Master secondo un apposito modello. Il Budget deve riportare le fonti di finanziamento del Master (tasse a carico degli studenti, contributi di aziende o enti) e i costi preventivati. Il Budget deve includere tutti i costi variabili specifici del Master e deve includere un margine di contribuzione ai costi generali e al funzionamento dell’Università. Il Budget deve essere approvato dal Dean della LIUC Business. Il Budget operativo autorizza il Direttore scientifico del Master a richiedere agli istruttori dell’Ufficio Master l’emissione di ordini interni nei limiti previsti dal Budget stesso.

Articolo 13 – Valutazione del Master

Il livello qualitativo del Master, delle attività formative svolte durante il Corso e dei docenti sono oggetto di periodica analisi verificato tramite somministrazione di questionari di valutazione.

Articolo 14 – Decreto Rettorale di emanazione del Regolamento

Il presente Regolamento è emanato con Decreto del Rettore ed entra in vigore il giorno successivo a quello di emanazione dandone adeguata forma di pubblicità sul sito Web dell’Università.

PIANO DI STUDI

MODULI CORSI SETTORE DISCIPLINARE ORE AULA CREDITI MOD. VALUTAZIONE (VOTO/GIUDIZIO)
Normativa di Settore e Compliance Aziendale Modelli di Welfare e Normativa Socio-Sanitaria IUS/09 40 5 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
Compliance Aziendale IUS/07 24 3 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
IUS/01 16 2
TOTALE MODULO 80 10
Economia e Gestione delle Residenze Sanitarie Assistenziali Economia delle Residenze Sanitarie Assistenziali SECS-P/07 48 6 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
Gestione e Organizzazione delle Residenze Sanitarie Assistenziali SECS-P/07 24 3 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
SECS-P/10 24 3
TOTALE MODULO 96 12
Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Sistemi Operativi di Gestione del Personale SECS-P/10 48 6 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
Comunicazione Istituzionale e Organizzativa SPS/08 24 3 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
TOTALE MODULO 72 9
Progettazione e Valutazione dei Servizi Socio-Sanitari Progettazione dell’Assistenza Gerontologica M-PSI/08 24 3 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
Programmazione dei Servizi e dei Processi Socio-Sanitari SECS-P/10 24 3 Prova Scritta (valutazione in trentesimi)
TOTALE MODULO 48 6
Totale ore 296 37
Totale ore d’aula con crediti 296 37
Totale ore d’aula senza crediti 0 0
Distance learning 5
Project work 20
Totale Ore MASTER 1.550 62

BORSE DI STUDIO

SYLLABUS

Anno accademico 2020/2021

 

MODULO 1 – NORMATIVA DI SETTORE E COMPLIANCE AZIENDALE

 

Corso di “Modelli di Welfare e Normativa Socio-Sanitaria”

Obiettivi e competenze del Corso

Il corso si prefigge l’obiettivo di fornire un solido framework sulla principale normativa pubblica di interesse per il settore socio-sanitario, sia a livello nazionale, sia a livello di singole Regioni, inducendo una riflessione sui possibili e differenti scenari evolutivi e sulle conseguenti ricadute pratiche che possono discenderne per la gestione delle singole unità di offerta a valenza socio-sanitaria.

Il corso include una giornata di warm-up condotta con approccio esperienziale finalizzata a favorire la conoscenza e la socializzazione tra i partecipanti.

 

Contenuti

  • L’evoluzione del diritto sulla tutela della salute: dalla Costituzione all’attuale scenario socio-economico.
  • La ripartizione delle competenze in ambito sanitario attuata con la revisione del titolo V, parte II, della Costituzione (legge n. 3/2001).
  • I Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) dalla prima determinazione del D.P.C.M. 29 novembre 2001 all’aggiornamento del D.P.C.M. 12 gennaio 2017.
  • Indicazioni e riorganizzazioni regionali sulla base del Patto per la Salute 2014/2016 e del Piano Nazionale della cronicità.
  • La riforma dell’Assistenza Domiciliare Integrata (ADI).
  • I soggetti istituzionali attuatori del sistema socio-assistenziale e relative competenze (Stato, Regioni, Comuni, Province e Aziende Sanitarie Locali).
  • I profili dell’integrazione socio-sanitaria e relativa evoluzione.
  • I percorsi normativi di trasformazione del Sistema Sanitario Nazionale: dall’attenzione ospedaliera alla territorialità e dalla presa in carico delle acuzie alla gestione delle cronicità.
  • I soggetti del Terzo Settore nell’ambito dell’offerta di servizi socio-sanitari: evoluzione dei modelli gestionali alla luce della Riforma del Terzo Settore (Legge 106/2016 e D. Lgs 112/2017 e 117/2017).
  • Gli impatti fiscali e le ricadute finanziare derivanti dalla Riforma del Terzo Settore.
  • L’evoluzione della legislazione nazionale e regionale in tema di servizi sociali e socio-sanitari: elementi critici e prospettive future.
  • Il ruolo delle RSA nelle logiche della presa in carico degli anziani e dei pazienti fragili.
  • Elementi di politica sanitaria e socio-sanitaria.
  • Non autosufficienza e Long-Term Care: breve inquadramento e scenari evolutivi.
  • La spesa pubblica per la non autosufficienza: determinati e scenari evolutivi.
  • Le spinte socio-economiche allo sviluppo del mercato assicurativo Long-Term Care.
  • Le forme giuridiche prevalenti che operano nel settore socio-sanitario: comparazione dei modelli di governance, dei modelli di controllo e di compliance e del profilo fiscale.
  • Comparazione dei differenti modelli di welfare
  • Modelli regionali di autorizzazione e accreditamento delle RSA a confronto: requisiti, processo di autorizzazione ed accreditamento, sistema di monitoraggio e controllo e ruoli dei diversi attori del sistema.
  • Sostenibilità e appropriatezza dei differenti modelli regionali di autorizzazione e accreditamento delle RSA.

 

Corso di “Compliance Aziendale”

Obiettivi e competenze del Corso

Assecondando una prospettiva interdisciplinare e un approccio altamente pragmatico, il corso tratta le principali tematiche da cui derivano, o possono derivare, obblighi e adempimenti in materia di compliance aziendale per le RSA. Per ogni area tematica oggetto di insegnamento (es: rischio clinico, privacy e sicurezza), verranno affrontati i più recenti sviluppi normativi e gli strumenti e le policy aziendali che occorre conoscere e presidiare.

 

  • Contenuti
  • La gestione del rischio clinico nei servizi per anziani e i principali approcci metodologici per la prevenzione degli errori (incident reporting, Root Causes Analysis e metodo FMECA).
  • Inquadramento sistematico della responsabilità civile e penale del “sanitario” dopo la Legge n. 24/2017.
  • I profili processuali dell’azione di responsabilità.
  • La gestione del consenso informato in RSA luce della Legge n. 219/2017: i soggetti legittimati a prestare il consenso, l’informazione del paziente e l’informativa ai parenti.
  • I principi fondamentali della responsabilità professionale e le principali fattispecie di reato connesse all’attività sanitaria in RSA.
  • Misure e strumenti di protezione delle persone prive di autonomia: interdizione, inabilitazione e amministrazione di sostegno.
  • Gli strumenti di protezione giuridica: presupposti, legittimazione, procedimento e provvedimento di nomina.
  • Il contratto di ricovero: efficacia, clausole fondamentali e gestione delle possibili controversie legali.
  • La compartecipazione alla spesa in RSA per i malati di Alzheimer: i recenti orientamenti giurisprudenziali.
  • Evoluzione della legislazione generale e speciale in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
  • Gli strumenti di governo dei rischi in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: DVR, DUVRI, PSC, POS.
  • Strumenti di governo dei rischi inferenziali: l’art. 26 con obbligo di contratto di appalto ed eventualmente di DUVRI e la verifica dell’idoneità tecnico-professionale in capo al committente per aziende appaltatrici o lavoratori autonomi.
  • Regolamento Privacy: dal D. Lgs. 196/2003 al GDPR 679/2016.
  • Il trattamento dei dati personali, sensibili e giudiziari all’interno delle unità di offerta socio-sanitarie.
  • Procedure e strumenti per la gestione del Data Breach.
  • La video sorveglianza in RSA: opportunità e limiti all’utilizzo.
  • La gestione delle relazioni sindacali nelle RSA: l’attività sindacale nei luoghi di lavoro, lo Statuto dei Lavoratori e il campo di applicazione.
  • La contrattazione di secondo livello.
  • Le tipologie contrattuali dopo il Jobs Act.
  • Criteri di scelta del contratto di lavoro e gestione delle criticità contrattuali.

 

MODULO 2 – ECONOMIA E GESTIONE DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI

 

Corso di “ECONOMIA DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI”

Obiettivi e competenze del Corso

Il corso affronta l’insieme delle tecniche utili alla valutazione multidimensionale dello stato di salute economico, patrimoniale e finanziario di una RSA e relativi servizi complementari, fornendo gli strumenti operativi necessari per generare informazioni e indicatori che, opportunamente interpretati, possono supportare il management nel migliorare la complessiva gestione aziendale.

 

Contenuti

  • Il sistema informativo contabile di una RSA: obiettivi e struttura.
  • Struttura, caratteristiche e obiettivi del bilancio d’esercizio nel settore socio-sanitario.
  • I principi contabili e la redazione del bilancio d’esercizio nel peculiare contesto delle RSA.
  • Lettura e analisi del bilancio di esercizio: la riclassificazione dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico.
  • L’analisi di bilancio per indici: valutazione della redditività, della liquidità e della solidità patrimoniale.
  • L’analisi della dimensione finanziaria e il calcolo del cash flow.
  • La valutazione economica di una nuova business idea in ambito socio-sanitario.
  • La strutturazione del business plan per la presentazione di nuove business idea.
  • Il processo di programmazione e controllo: dalla contabilità generale alla contabilità analitica.
  • Il controllo di gestione nelle RSA: finalità, architettura, tecniche e strumenti operativi.
  • Individuazione di centri di responsabilità, centri di ricavo e centri di costo.
  • Il processo di budgeting e reporting in RSA.
  • Il benchmarking economico nelle RSA: l’introduzione della prospettiva esterna.
  • La Break Even Analysis e la sua applicazione in ambito socio-sanitario.
  • La metodologia dell’Activity Based Costing per la valorizzazione economica dei processi socio-sanitari.
  • Accountability e rendicontazione sociale: struttura e finalità del bilancio sociale.
  • Obbligatorietà del bilancio sociale e principi di redazione.
  • Il ruolo delle banche nel finanziamento delle imprese sociali.
  • La valutazione creditizia.
  • La trasparenza amministrativa.

 

Corso di “Gestione e Organizzazione delle Residenze Sanitarie Assistenziali”

Obiettivi e competenze del Corso

Il corso è indirizzato ad affinare ed ampliare la conoscenza dei principali ambiti organizzativo-gestionali che regolano il funzionamento e lo sviluppo di una RSA nella costante interazione con il proprio contesto ambientale di riferimento.

 

Contenuti

  • La progettazione organizzativa in RSA: le differenti teorie e visioni organizzative.
  • I principali modelli gestionali nelle RSA e i relativi schemi organizzativi di riferimento.
  • La costruzione dell’organigramma aziendale e le ricadute nella definizione del sistema dei ruoli.
  • Strumenti di analisi e descrizione del lavoro in RSA.
  • Il fundraising: la dimensione del dono nell’economia e nella sostenibilità dei servizi socio-sanitari: principi, mercati, strumenti e tecniche.
  • Come strutturare una funzione aziendale di fundraising: modelli, casi ed esperienze.
  • Fare fundraising e peopleraising nel territorio: i vantaggi competitivi.
  • Il marketing dei servizi alla persona: macro inquadramento.
  • Il marketing strategico nelle RSA: segmentazione, differenziazione, target e posizionamento e il ciclo di programmazione.
  • Il marketing mix nelle RSA: politiche di prezzo, servizio, comunicazione e localizzazione.
  • Le dimensioni dell’offerta: qualità, strutture e persone.
  • Il social-web marketing in ambito socio-sanitario.
  • Come costruire la propria identità on-line: il contesto comunicativo nell’era dell’Infobesity e i comportamenti digitali.
  • Come comunicare la propria identità on-line: il sito web e i principali social network.
  • Cross-cultural management: la natura delle diversità nazionali e di cultura organizzativa.
  • L’emergere delle differenze multiculturali nelle RSA e le diverse strategie per comprenderle e gestirle.
  • Come affrontare le situazioni multiculturali di rischio attraverso una corretta preparazione: intuizioni e suggerimenti derivanti da altre culture.
  • Strumenti di gestione indiretta delle attività della RSA: il contratto di appalto e la somministrazione di lavoro a tempo indeterminato
  • Le dimensioni delle scelte di make or buy: la dimensione strategica, la dimensione economica e la dimensione organizzativa.
  • I differenti approcci all’outsourcing: forme elementari, forme intermedie e forme evolute.

 

MODULO 3 – GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

 

Corso di “Sistemi Operativi di Gestione del Personale”

Obiettivi e competenze del Corso

Il corso si prefigge di esaminare i differenti possibili modelli di gestione delle risorse umane, offrendo una panoramica a 360° dei principali sistemi operativi di gestione del personale deputati a governare la vita professionale dei lavoratori di una RSA, dal momento dell’ingresso a quello dell’uscita. Verrà inoltre approfondito il tema delle cosiddette “leve soft” che possono essere usate all’interno delle RSA per favorire l’allineamento tra comportamenti individuali e obiettivi organizzativi.

 

Contenuti

  • Organizzazione del lavoro, sistema delle relazioni e sistemi operativi di gestione del personale: un macro framework di riferimento.
  • I principali modelli di gestione del personale nelle RSA: vantaggi, svantaggi e punti di attenzione.
  • Attori e ruoli nella gestione del personale in RSA: la suddivisione di compiti e responsabilità.
  • La pianificazione del personale: obiettivi, orizzonti temporali e aspetti processuali.
  • Il reclutamento e la selezione del personale: modelli, fasi del processo e valutazione della selezione.
  • La ricerca del personale: i mercati del lavoro e i canali di selezione.
  • Strumenti di selezione: il colloquio di selezione attraverso la Behavioral Event Interview.
  • La valutazione del personale in RSA: posizioni, prestazioni e potenziale.
  • Tecniche e strumenti per la valutazione delle prestazioni: metodi per comportamenti, metodi per risultati e sistemi misti.
  • Le fasi e gli attori del processo di valutazione delle prestazioni individuali.
  • Le dinamiche delle équipe multiprofessionali in RSA: aspetti di contenuto e fattori di processo.
  • L’evoluzione del team e i processi critici.
  • Un modello di riferimento per il problem solving nelle équipe multiprofessionali: dall’analisi della situazione all’implementazione della soluzione.
  • Gli errori tattici più comuni nel decision making: persuasione, editti, ancoraggio, e rappresentatività.
  • L’influenza delle percezioni nelle dinamiche conflittuali.
  • Tecniche di negoziazione a supporto della gestione dei conflitti.
  • Il time management tra miti e verità.
  • Strumenti e aree di intervento a sostegno delle politiche di conciliazione vita-lavoro nelle RSA: flessibilità, gestione lunghe assenze, welfare aziendale e cultura organizzativa.
  • Le politiche di work-life balance RSA: esperienze e ipotesi di sviluppo.
  • I fondi paritetici interprofessionali per il finanziamento della formazione aziendale: inquadramento normativo, metodologie di finanziamento e panoramica dei principali fondi attivi in Italia.

 

Corso di “Comunicazione Istituzionale e Organizzativa”

Obiettivi e competenze del Corso

Il corso è finalizzato a trasferire elementi teorico-pratici sulla gestione dei processi comunicativi interni ed esterni, supportando i partecipanti nella definizione/revisione dei principali strumenti e canali attraverso cui vengono gestiti e veicolati i flussi della comunicazione organizzativa ed istituzionale.

 

Contenuti

  • La comunicazione esterna: finalità, strumenti e communication mix.
  • L’uso della comunicazione esterna per costruire la percezione della qualità del servizio offerto.
  • Logiche e strumenti di comunicazione esterna verso precisi target o stakeholder.
  • Strutturazione di un piano di comunicazione integrata.
  • La comunicazione interna hard e soft: le funzioni, le variabili e gli strumenti.
  • La complessità delle dinamiche del rapporto tra medico e “amministrazione” in RSA.
  • La programmazione neurolinguistica.
  • La gestione delle relazioni interpersonali con ospiti e parenti.
  • Empatia, mimetismo comportamentale, assertività e ascolto attivo.
  • I sistemi di rappresentazione sensoriale: le strategie cognitive e comunicazionali.
  • Le principali socio-patologie organizzative in ambito socio-sanitario: stress, burnout e mobbing.
  • L’analisi transazionale e i giochi psicologi.

 

MODULO 4 – PROGETTAZIONE E VALUTAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI

 

Corso di “Progettazione dell’Assistenza Gerontologica”

Obiettivi e competenze del Corso

Il corso affronta alcune delle principali tematiche di progettazione dell’assistenza gerontologica in una prospettiva psicologica, al fine di alimentare una conoscenza di base di cui anche il management deve disporre per coniugare efficacemente le scelte gestionali con le complessità proprie dell’area assistenziale.

 

Contenuti

  • La gestione in équipe del Piano Assistenziale Individualizzato (PAI).
  • Il PAI come strumento strategico per la verifica dei percorsi di salute, per la gestione delle risorse e per l’alleanza terapeutica con le famiglie.
  • L’anziano terminale, le cure palliative ed il rapporto con i familiari.
  • L’accanimento terapeutico in RSA: aspetti clinici, giuridici ed etici.
  • La dichiarazione anticipata di trattamento (DAT) e le conseguenti implicazioni organizzative.
  • Elaborazione del lutto e della sofferenza nella relazione con l’anziano.
  • La persona anziana in lutto: separation-distress e traumatic-distress.
  • Il tabù della morte: prospettive etnoantropologiche.
  • Decisioni terapeutiche critiche e modelli di riferimento per l’azione organizzativa (ospedalizzazione, diagnostica invasiva, interventi maggiori e terapie di supporto vitale).
  • La gestione del paziente affetto da sindromi demenziali e disturbi del comportamento.
  • La gestione dei nuclei Alzheimer.

 

Corso di “Programmazione dei Servizi e dei Processi Socio-Sanitari”

Obiettivi e competenze del Corso

Ponendosi sempre in una prospettiva integrata, il corso è finalizzato a fornire una visione di insieme dei principali strumenti necessari alla programmazione e valutazione dei servizi e processi socio-sanitari che contraddistinguono il funzionamento tipico di una RSA, anche con riferimento a quelle leve che normalmente sono affidate alla responsabilità del middle management (es: gestione dei turni).

 

Contenuti

  • Residenzialità leggera e habitat gerontologico: i modelli della residenzialità assistita come specchio della cultura del tempo.
  • La progettazione gerontologica europea in materia di habitat: casistica e principi metodologici.
  • Tecnologie e ambienti per la qualità di cura: la digitalizzazione dell’assistenza nelle best practice a livello europeo.
  • Domotica e tecnologie assistive a supporto degli anziani fragili.
  • Ambiente e spazio dei servizi residenziali per anziani: tra estetica, funzionalità e valore terapeutico.
  • La progettazione architettonica degli spazi in una RSA: aspetti amministrativi, le figure professionali coinvolte, la componente “emotivo-progettuale”, il quadro economico-gestionale e la responsabilità del committente.
  • L’impiego di protocolli operativi, linee guida e piani di lavoro a supporto dei processi assistenziali.
  • Metodi e tecniche di rilevazione della soddisfazione dell’utenza.
  • Turnistica e pianificazione dell’attività socio-sanitaria.
  • Le matrici di turno e le ricadute organizzative.
  • La misurazione dei carichi di lavoro a supporto del miglioramento dei servizi erogati.

 

COME ISCRIVERSI

STEP 1: APPLICATION/DOMANDA DI AMMISSIONE

E’ possibile effettuare la domanda di ammissione entro il 3 MARZO 2020.

Prima di procedere con la compilazione della domanda vi preghiamo di prendere visione delle modalità di iscrizione alla selezione: Scarica PDF

Per procedere con la compilazione dell’application/domanda di ammissione cliccare qui.

STEP 2: GRADUATORIA

La graduatoria degli ammessi al Master sarà visibile dal 17 MARZO 2020 e sarà consultabile cliccando su “GRADUATORIA” nella pagina di presentazione del Master.

STEP 3: ISCRIZIONE/IMMATRICOLAZIONE

Tutti coloro che rientrano nella graduatoria potranno procedere a formalizzare l’iscrizione al Master dal 18 MARZO 2020 al 27 MARZO 2020.

Prima di procedere vi preghiamo di consultare le modalità di immatricolazione.

Per procedere con l’immatricolazione cliccare qui.

Per procedere con l’immatricolazione cliccare qui.

GRADUATORIA

+39 0331 572111

info@liuc.it

(C) Università Carlo Cattaneo LIUC | C.so Matteotti, 22 - 21053 Castellanza (VA) | Codice Fiscale e Partita IVA 02015300128