Centro sulla Logistica e il Supply Chain Management

ODES – On-Demand & Eco-Resilient Supply Chains

PROGETTI

ODES – On-Demand & Eco-Resilient Supply Chains

TEMA

L’epidemia di Coronavirus ha rivelato l’essenza del mondo “VUCA” (Volatile, Unpredictable, Complex e Ambiguous), ovvero un mondo in cui la maggior parte delle supply chain non sono preparate a far fronte alle conseguenze causate dai cosiddetti “black swans”, ovvero eventi con bassa probabilità di accadimento ma con alto impatto. Nonostante non sia possibile prevedere quando tali “cigni neri” si manifesteranno, è possibile da parte delle organizzazioni prepararsi con una serie di piani alternativi e reagire a eventi disastrosi in modo da mitigarne le conseguenze una volta che si verificheranno piuttosto che cominciare da zero ogni volta.

Pianificare per reagire agli imprevisti porta ad aumentare la resilienza, ovvero la capacità di adattarsi ai diversi tipi di cambiamenti in modo continuo attraverso una serie di risposte differenti e adattive.

Un modo tradizionale per migliorare la resilienza è quello di investire in extra capacità/extra risorse per aumentare l’abilità di reagire e adattarsi. Tuttavia, questo tipo di soluzione richiede investimenti quali back-up di scorte o ridondanza di risorse produttive e logistiche che spesso risultano difficilmente sostenibili, sia economicamente (rispetto al conto economico), sia dal punto di vista del rispetto dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite (https://sdgs.un.org/goals).

Recenti ricerche (es. Ivanov, 2018; Fahimnia and Jabbarzadeh, 2016) indicano proprio nella sostenibilità l’elemento chiave per migliorare la resilienza attraverso un migliore uso delle risorse. Ciò significa impiegare le risorse in maniera più sostenibile e flessibile al fine di rendere “Eco-Resilienti” le supply chain e sviluppare in esse capacità di adattamento ai continui cambiamenti di scenario tipici del mondo “VUCA”, secondo un approccio evolutivo (in inglese “Evolutionary Eco-Resilience”).

Al fine di divenire Eco-Resiliente, una supply chain dovrebbe sviluppare caratteristiche di “elasticità”, ovvero capacità di reagire e adattarsi ai cambiamenti limitando al massimo il bisogno di risorse aggiuntive, anche in termini di investimenti in asset quali veicoli, impianti produttivo-logistici, oppure sistemi IT proprietari. Uno dei fattori abilitanti dell’elasticità delle supply chain è la cosiddetta “sharing economy” (o “economia della condivisione”), ovvero un paradigma che prevede la condivisione di beni e servizi. Tale paradigma non si basa sull’acquisto o sulla proprietà esclusiva delle risorse, quanto piuttosto sulla loro condivisione e riutilizzo in una rete di soggetti in cui l’elemento relazionale è fondamentale. Ad esempio, le aziende, anziché acquistare e utilizzare singolarmente spazi per lo stoccaggio delle merci, il cui livello di occupazione risente delle fluttuazioni di settore e di mercato, possono condividere all’interno di una rete di soggetti le superfici di magazzino (presso i loro impianti o presso le strutture degli operatori logistici) in modo da creare un “pool” di capacità di stoccaggio a disposizione della rete e utilizzarla quando necessario. In altre parole, possono ricorrere a una soluzione di “on-demand warehousing”. Queste soluzioni “on-demand” rappresentano la risposta alla necessità di Eco-Resilienza e ne costituiscono i fattori abilitanti per le supply chain.

OBIETTIVI

La ricerca ha lo scopo di aiutare le aziende a (ri) progettare la loro supply chain per massimizzare le prestazioni di Eco-Resilienza, sfruttando soluzioni On-Demand in un’ottica di sharing economy. Lo sviluppo del progetto sarà guidato dalle seguenti domande di ricerca:

  1. Quali saranno le caratteristiche del “new normal” per le supply chain?
  2. Quali sono i tratti caratterizzanti del concetto di Eco-Resilienza Evolutiva e le metriche per misurarne il livello nelle supply chain?
  3. Quali soluzioni On-Demand esistono per migliorare il livello di Eco-Resilienza Evolutiva delle supply chain?

RISULTATI

Attraverso lo studio della letteratura, interviste con gli esperti del settore e casi di studio verranno definite le caratteristiche del “new normal” per le supply chains, indagate le dimensioni del concetto EER e le sue misure di prestazione, identificate le soluzioni On-Demand al fine di guidare le aziende verso miglioramento delle prestazioni di eco-resilienza delle loro supply chain.

Verranno sviluppati un indice composito (“ECOR” Index) che permetterà di misurare l’eco-resilienza delle supply chain e un toolbox che guiderà la progettazione di supply chain eco-resilienti.

Il toolbox sarà composto da un modello di valutazione dell’eco-resilienza sulla base dell’ECOR Index, che permetterà di definire le prestazioni di eco-resilienza e di investigare il posizionamento delle aziende rispetto a una serie di best practice di eco-resilienza (secondo l’approccio tipico dei processi di benchmarking). Il toolbox sarà anche composto da uno strumento di supporto alle decisioni, basato su un modello di simulazione che, tenendo conto delle caratteristiche del “new normal”, delle misure di eco-resilienza e delle potenziali soluzioni On-Demand permetterà di progettare la configurazione di supply chain con prestazioni di eco-resilienza ottimali.

Scarica la presentazione del primo Workshop del progetto (18 Novembre 2020)

+39 0331 572111

(C) Università Carlo Cattaneo LIUC | C.so Matteotti, 22 - 21053 Castellanza (VA) | Codice Fiscale e Partita IVA 02015300128