Centro sulla Finanza per lo Sviluppo e l’Innovazione

PRIVATE EQUITY MONITOR – PEM®

OSSERVATORIO
HIGHLIGHTS
RISULTATI DI RICERCA
GOVERNANCE
ADESIONI
CONTATTI

PRIVATE EQUITY MONITOR – PEM®

Il Private Equity Monitor – PEM è un Osservatorio attivo dal 2000 presso la LIUC Business School, grazie al contributo di Deloitte, EOS Investment Management, Fondo Italiano di Investimento SGR, McDermott Will&Emery, UniCredit e Value Italy SGR.

L’Osservatorio sviluppa da venti anni un’attività di monitoraggio permanente sugli investimenti in capitale di rischio realizzati nel nostro Paese, al fine di offrire ad operatori, analisti, studiosi e referenti istituzionali, informazioni utili per lo svolgimento delle relative attività e si è affermato quale primaria fonte informativa nel settore.

PEM-i: è il nostro Indicatore Proprietario. Il Private Equity Monitor Index, calcolato su base trimestrale a partire dal primo trimestre 2003 (Base 100), viene elaborato rapportando il numero di operazioni mappate dal PEM nel corso del trimestre di riferimento al numero di investimenti realizzati nel trimestre utilizzato come base. In questo modo l’indice, seppur con esclusivo riferimento al numero delle operazioni, fornisce un’indicazione puntuale e tempestiva sullo stato di salute del mercato italiano del private equity, rappresentando il primo indicatore di questo tipo calcolato nel nostro Paese.

Il mercato italiano dell’investimento in capitale di rischio ha raggiunto, in questi ultimi anni, livelli di sviluppo propri dei contesti finanziari più evoluti, sia in termini qualitativi, sia quantitativi.

Parallelamente a tale processo di sviluppo, si è via via incrementata anche la necessità di disporre di informazioni caratterizzate da un livello di dettaglio crescente, sia al fine di migliorare la conoscenza delle dinamiche competitive, sia per facilitare l’incontro tra la domanda, gli imprenditori, e l’offerta, gli investitori istituzionali.

A fronte di tali necessità, gli Osservatori Private Equity Monitor – PEM e Venture Capital Monitor – VeM sviluppano un’attività di monitoraggio permanente sugli investimenti in capitale di rischio realizzati nel nostro Paese, al fine di offrire ad operatori, analisti, studiosi e referenti istituzionali, informazioni utili per lo svolgimento delle relative attività.

In particolar modo, il PEM, focalizza la propria attività di ricerca sul segmento del later stage, monitorando le operazioni di Expansion, Buy out, Replacement e Turnaround, lasciando al VeM il compito di concentrarsi sul segmento dell’early stage.

I due Osservatori, attraverso il monitoraggio, l’analisi e la diffusione delle informazioni raccolte in via disaggregata e relative alle operazioni di investimento poste in essere dalle istituzioni finanziarie attive sul mercato italiano, vogliono quindi rappresentare un punto di osservazione privilegiato sia per gli investitori stessi, sia per le imprese potenziali target di investimento che potrebbero trovarsi di fronte alla decisione di aprire il proprio capitale ad un socio istituzionale.

Il tutto allo scopo di contribuire al raggiungimento di un livello di trasparenza sempre maggiore e con l’intento di costituire un punto di riferimento, nazionale ed internazionale, per l’approfondimento e la discussione delle tematiche attinenti al capitale di rischio.

LA NOSTRA STORIA IN NUMERI

2000
Anno di fondazione
+2500
Numero di Operazioni presenti nel Database
6
I nostri partners sponsors

ADESIONI

I PARTNERS DEL PRIVATE EQUITY MONITOR – PEM

Deloitte one of the largest professional services network in Italy, first started its activity in this country in 1923 and boasts century old roots, combining a tradition of quality with avant garde methods and technological expertise. Deloitte’s professional services, which include Audit & Assurance, Consulting, Financial Advisory, Risk Advisory, Tax and Legal, are rendered by various separate and independent firms, specialised in the single professional areas, which are all part of the Deloitte network. Today, the Italian network employs over 7,700 professionals who help their clients excel thanks to the confidence in the high level of service, in our multidisciplinary offering and our widespread geographical coverage.

With a globally connected network of member firms in more than 150 countries and territories, Deloitte brings world-class capabilities and high-quality service to clients, delivering the insights they need to address their most complex business challenges. Deloitte’s 334,800 professionals are committed to becoming the standard of excellence.

Visit www.deloitte.com for further information.

 

Fondo Italiano di Investimento SGR is a management company promoted by the Italian Ministry of Finance with the co-operation of Associazione Bancaria Italiana (Italian Banking Association), Cassa Depositi e Prestiti, Confindustria (Industrial Association), Intesa Sanpaolo, Banca Monte dei Paschi di Siena and Unicredit. Fondo Italiano d’Investimento SGR manages nine closed-end investment funds for qualified investors, for a total amount equal to about 3 billion Euro, two active in the private equity sector, investing in SMEs and technological late stage startups; three active as venture capital fund of funds; two active as private debt fund of funds; other two active as private equity fund of funds.

Visit www.fondoitaliano.it for further information.

 

McDermott Will&Emery. Founded in 1934 and currently numbering more than 1,000 lawyers, with 19 offices worldwide and a strategic alliance with MWE China Law Offices in Shanghai, McDermott Will & Emery is an integrated, international law firm with a diversified business practice. The Italian practice of McDermott Will & Emery Studio was established in 2005, the firm currently has an office in Milan with about 40 professionals, including nine partners.

Visit www.mwe.com for further information.

 

UniCredit is a simple successful pan-European Commercial Bank, with a fully plugged in Corporate & Investment Banking (CIB), delivering a unique Western, Central and Eastern European network to its extensive and growing client franchise.

UniCredit Corporate & Investment Banking serves 1,500 multinational corporates and key financial institutions and supports the group’s corporate banking units in delivering services to 500,000 corporate and public sector clients. We also deliver investment solutions to UniCredit’s clients networks including retail, private banking, and wealth management clients.

We meet real client needs with real solutions which harness synergies between our business divisions: Corporate & Investment Banking, Commercial Banking and Wealth Management. The way in which these solutions are developed and provided is as important as the solutions themselves, which is why everything we do is based on our two core values: Ethics and respect.

By focusing on banking that matters, we offer local and international expertise, providing unparalleled access to market leading products and services in 13 core markets through our European banking network. Leveraging on an international network of representative offices and branches, UniCredit serves clients in another 16 countries worldwide.

At home throughout Europe, we are the partner of choice for our clients’ increasingly sophisticated demand for Corporate Banking and Transaction Services, Structured Finance, Capital Markets and Investment Products. We offer local expertise as well as international reach and accompany our clients globally. We are a leading corporate lender and underwriter in Europe with over EUR 290 billion of loans to clients. As a leader in Debt and Trade Finance, we are the most active player in EUR Bonds since 2012 in EMEA1. Also in 2020, our strong positioning is deeply rooted in our core countries and is confirmed across client segments. For Corporates we are #1 in EMEA in Corporate Loans2, while for Financial Institutions we are by far #1 in Covered Bonds3, with almost twice the no. of deals to the runner up. We are recognised as a Trade Finance Powerhouse in Western, Central and Eastern Europe4, whilst at the same time we are at the forefront of innovation in instant and faster payments thanks to our prominent position in the digital transformation of financial services in line with customer needs.

Visit cib.unicredit.eu for further information.

1 Refers to UniCredit’s #1 position in the cumulative time period 1 Jan 2012 – 31 Dec 2020, source: Dealogic as of 18 Jan 2021
2 By no. of deals, source: Dealogic as of 18 Jan 2021, Period 1 Jan – 31 Dec 2020
3 EMEA Covered Bonds in EUR, source: Dealogic as of 4 Jan 2021, period 1 Jan – 31 Dec 2020
4 As evidenced by the recent awards in Cash Management, Trade Finance, Transaction Banking and Supply Chain Finance

 

EOS Investment Management Ltd (“EOS IM”) is a UK based full scope AIFM (Alternative Investment Fund Manager). EOS IM is authorised and regulated by the FCA (Financial Conduct Authority) to manage alternative investment funds (“Funds”). The Funds are domiciled and supervised in Luxembourg by the CSSF (Commission de Surveillance du Secteur Financier). The Funds offer a diversified choice of asset classes focused on the real economy (in particular, clean energy and private equity sectors), through the Luxembourgian investment funds in the form of SICAV-SIF. EOS IM and its affiliates have an international structure with the head office functions located in London, the advisory teams in Milan and the administration function in Luxembourg. The international team consists of over 30 experienced professionals, primarily drawn from a combination of top financial firms and industry. EOS IM combines the benefits of both operating to institutional organisational standards with the nimble and opportunistic investment abilities of a boutique player. EOS IM provides its institutional investors, as well as HNWI, with a diversified choice of asset classes and fund structures (i.e. through single strategy funds, fund of funds and tailored mandates). Each investment strategy is implemented through a dedicated investment fund, supported by a separate fully dedicated advisory team, with the relevant strong track record in the sector. Our Mission is to deliver a superior standard of investment service, with tailored asset management products, through a structured approach which is able to meet varying institutional client requirements. In particular, EOS IM delivers this objective by establishing and maintaining partnerships with investors, building long term value.

Visit www.eosinvestment.co.uk for further information.

 

Value Italy SGR S.p.A. is an independent private equity fund manager, investing in the Italian small and mid-market. The management team has a longstanding experience in the reference market, having realized more than 40 investments on behalf of managed funds with a total capital raised of more than 400 million Euro. Value Italy investment strategy is focused on expansion and buy out deals in the Italian sectors of excellence: innovative manufacturing industries, IT, healthcare and med-tech, food, business services. Investments are both in majority and minority stakes, with an active involvement in the portfolio companies’ governance and full control of exit procedures. Value creation is mainly based on reliable international development strategies. Value Italy’s team has established a wide international network to support the portfolio companies development strategies. Brand name, reputation, professionalism of the team and active approach to management of portfolio companies are the founding values of Value Italy.

Visit www.valueitalysgr.it for further information.

 

In collaborazione con:

AIFI

AIFI è l’Associazione Italiana del Private Equity, Venture Capital e Private Debt. Nasce nel maggio del 1986 per sviluppare, coordinare e rappresentare, in sede istituzionale, i soggetti attivi sul mercato italiano nel private equity e nel venture capital.

Rappresenta fondi e società che operano attraverso il capitale di rischio, investendo in aziende con l’assunzione, la gestione e lo smobilizzo di partecipazioni prevalentemente in società non quotate. Scopo finale dell’investimento è realizzare un piano di sviluppo delle aziende partecipate.

Dal 2014, AIFI ha esteso ai fondi di private debt l’opportunità di aderire all’Associazione.

Sono soci AIFI le società finanziarie di partecipazione, le società di gestione di fondi chiusi italiani, le advisory companies di fondi chiusi internazionali, le banche italiane e internazionali con una divisione dedicata all’attività di private equity, le finanziarie regionali, le società pubbliche per la nascita e lo sviluppo di attività imprenditoriali.

Sono inoltre associati ad AIFI, in qualità di aderenti, associazioni, enti, istituti di ricerca, studi professionali, società di revisione e consulenza, interessati allo sviluppo del mercato italiano del capitale di rischio.

 

Il database del Private Equity Monitor – PEM® è accessibile, a seguito di convenzione, al seguente indirizzo: www.privateequitymonitor.it

Per ulteriori dettagli ed informazioni, visitare la pagina dei Contatti.

RISULTATI DI RICERCA

I rapporti PEM

Fin dalla sua fondazione, il Private Equity Monitor – PEM® diffonde in un rapporto cartaceo i principali risultati della sua attività di mappatura del mercato.

Il rapporto, realizzato e distribuito grazie al contributo di Deloitte, EOS Investment Management, Fondo Italiano d’Investimento SGR, McDermott Will & Emery Studio Legale Associato, UniCredit e Value Italy SGR, in collaborazione con AIFI, viene presentato durante un evento che si tiene una volta all’anno, indicativamente agli inizi del mese di maggio.

 

La metodologia

L’obiettivo del rapporto è quello di fornire una serie strutturata di informazioni riguardanti le caratteristiche dei deal, degli operatori coinvolti e delle aziende target, attraverso l’uso esclusivo di informazioni pubbliche reperibili presso archivi di giornali e riviste specializzate, pubblicazioni di settore, siti Internet, banche dati accessibili al pubblico, newsletter, presentazioni a convegni, nonché la collaborazione volontaria e diretta da parte degli operatori, nel pieno rispetto dei diritti di privacy degli stessi e delle aziende target.

Lo studio prende in considerazione soltanto i nuovi investimenti realizzati da investitori istituzionali nel capitale di rischio di matrice privata, in tutte le fasi successive a quelle di avvio di impresa, risultando pertanto esclusi dalla rilevazione:

  • gli investimenti effettuati da società di investimento di matrice pubblica o para-pubblica (agenzie pubbliche, finanziarie regionali, …), tranne nel caso di veicolo societario dedicato ed autonomo;
  • gli investimenti di seed e start up, cioè finalizzati alla nascita di nuove attività imprenditoriali;
  • i reinvestimenti in società già partecipate dall’operatore indicato (follow on).

Per ogni operazione individuata, le informazioni acquisite sono state suddivise tra:

a) Caratteristiche del deal, nell’ambito delle quali si è distinto tra:

  • il nome dell’impresa target, cioè l’impresa oggetto di investimento. Nel caso di operazioni di Buy out, si è cercato di indicare il nome della newco o della target che rendesse più facilmente riconoscibile l’operazione esaminata;
  • il principale investitore istituzionale o lead investor, che rappresenta l’operatore che ha investito la quota maggiore di capitale o che ha promosso il sindacato di investitori coinvolti nel deal;
  • l’ammontare di equity investito e la quota di capitale direttamente o indirettamente acquisita;
  • gli eventuali coinvestitori, ovvero tutti gli altri investitori di matrice finanziaria istituzionale che sono stati coinvolti nell’operazione, con separata indicazione dell’ammontare di equity da questi investito e la relativa quota acquisita, laddove disponibile;
  • la tipologia dell’operazione, distinguendo tra le categorie di Expansion, Replacement, Buy out, Infrastructure e Turnaround;
  • l’origine del deal, ossia la ragione in base alla quale è stata realizzata l’operazione, codificando tali informazioni attraverso le categorie riconosciute a livello internazionale e utilizzate per simili ricerche.

b) Caratteristiche dell’impresa target, nell’ambito delle quali si è distinto tra:

  • la localizzazione geografica, con riferimento alla regione in cui la target ha la sua sede;
  • il settore industriale, codificato secondo la classificazione PEM® sviluppata sulla base di quella internazionale proposta dalla Standard Industrial Classification (SIC);
  • la descrizione di dettaglio dell’attività svolta;
  • il numero dei dipendenti;
  • il fatturato (Sales), individuato come ammontare dei “ricavi netti di vendita”, per il quale è stato calcolato anche il tasso di crescita annuo composto (Compound Annual Growth Rate, CAGR) per i tre esercizi precedenti al deal;
  • l’EBITDA (Earnings Before Interest Tax Depreciation and Amortization), margine operativo lordo;
  • l’EBIT (Earnings Before Interest and Tax), reddito operativo;
  • il rapporto EBITDA/Fatturato;
  • l’Enterprise Value (EV), determinato considerando il valore attribuito al 100% dell’azienda al momento immediatamente precedente all’acquisizione;
  • i multipli: EV/Sales, EV/EBITDA.

GOVERNANCE

Il team di lavoro

Il team di lavoro dell’Osservatorio Private Equity Monitor – PEM® è guidato da Francesco Bollazzi, che si avvale della collaborazione di Michele Lertora e collabora con l’Ufficio Studi di AIFI.

 

IL COMITATO SCIENTIFICO

È presente un Comitato Scientifico, con ruolo di “think tank” nell’ambito delle attività dell’Osservatorio. I membri del Comitato sono di seguito elencati:

 

Anna Gervasoni (Presidente)
LIUC – Università Cattaneo

Francesco Bollazzi (Vicepresidente)
LIUC – Università Cattaneo

Emidio Cacciapuoti
McDermott Will&Emery

Marco Canale
Value Italy SGR

Guido Corbetta
Università Commerciale Luigi Bocconi

Roberto Del Giudice
Fondo Italiano di Investimento SGR

Tamara Laudisio
Deloitte

Ciro Mongillo
EOS Investment Management

Alessia Muzio
AIFI – Associazione Italiana del Private Equity, Venture Capital e Private Debt

Josè Martì Pellon
Universitad Complutense De Madrid

Gianluca Savoldi
UniCredit

AREA RISERVATA

CONTATTI

Osservatorio Private Equity Monitor – PEM®

presso LIUC Business School
Corso Matteotti, 22
21053 Castellanza (Varese)

Tel.: +39 0331.572.208
E-mail: [email protected]

 

Francesco Bollazzi
Responsabile Osservatorio Private equity Monitor – PEM®
[email protected]

 

Alda Acanfora
Segreteria Osservatorio Private equity Monitor – PEM®
[email protected]

HIGHLIGHTS

Comunicati stampa

Nel bimestre aprile-maggio il private equity si conferma con 46 nuovi investimenti

Nel primo trimestre il private equity si conferma ad alti livelli: annunciati 66 nuovi investimenti, 26 nel corso del mese di marzo

Gennaio 2021: dopo un 2020 di grande intensità, il private equity riparte di slancio con 19 nuovi investimenti

A febbraio il private equity mantiene il ritmo con 21 nuovi investimenti

L’estate del Private Equity, a luglio altre 45 acquisizioni

 

Eventi

PEM Talk, “Private equity italiano protagonista anche all’estero”, Webinar, 14 luglio 2021, ore 17.00 (video)

PEM Talk e Presentazione del Rapporto Italia 2020, “Sviluppo per linee esterne e processi di aggregazione industriale: il contributo del private equity”, Webinar, 6 maggio 2021, ore 17.00 (video)

 

Indice PEM-I

Il Private Equity Monitor Index, calcolato su base trimestrale a partire dal primo trimestre 2003 (Base 100), viene elaborato rapportando il numero di operazioni mappate dal PEM® nel corso del trimestre di riferimento al numero di investimenti realizzati nel trimestre utilizzato come base.

(C) Università Carlo Cattaneo LIUC | C.so Matteotti, 22 - 21053 Castellanza (VA) | Codice Fiscale e Partita IVA 02015300128